LIEVITO 2013, UN SUCCESSO
Damiano Coletta: “Da oggi ci mancherà qualcosa”

lievito-latina-5768973622Riceviamo e pubblichiamo, molto volentieri, la lettera del Presidente di Rinascita Civile, Damiano Coletta, a conclusione di Lievito 2013. E’ una lettera di ringraziamenti, molto utile a capire quante persone hanno collaborato alla buona riuscita di questa rassegna, che vuole essere, e di fatto è, “lievito culturale” per Latina. Ma è anche un momento di riflessione e occasione per cogliere i suggerimenti del pubblico.

LA LETTERA DI DAMIANO COLETTA-  Un memorabile concerto-tributo ad Enzo Jannacci, si è ormai concluso Lievito 2013. Si ha la sensazione che da domani probabilmente ci mancherà qualcosa. Desideravo innanzitutto ringraziare, a nome di tutto il Comitato Organizzatore di Lievito, tutti gli artisti che si sono esibiti.

Grazie al loro talento e alla loro professionalità siamo riusciti giorno dopo giorno ad ottenere un sempre maggiore consenso. Grazie a tutti gli sponsor. Senza il loro aiuto, piccolo o grande che sia stato, in un momento così difficile, Lievito non si sarebbe mai potuto fare.

Grazie ai nostri media partner ed ai mezzi di comunicazione in genere, per l’attenzione e lo spazio che, quotidianamente, hanno saputo darci. Possiamo dirlo senza essere tacciati di autoreferenzialità: è stato un successo. Forse anche al di là delle nostre aspettative. Tanta gente, tanto consenso. Ci piacerebbe avere un ulteriore feedback da parte di chi è stato presente, con suggerimenti per migliorarci e anche qualche critica (senza esagerare), scrivendoci su contattaci@rinascitacivile.it.

Probabilmente ci siamo messi su una buona strada. Il sano virus della cultura, in questa città apparentemente così soporosa ma con un suo underground molto vitale, inizia a diffondersi. Lievito è cresciuto, rispettando fisiologicamente il suo compito ed il suo nome. Con la crescita di Lievito potrebbe crescere anche il cittadino della nostra comunità e di conseguenza la città. È questo il nostro obiettivo. Un po’ presuntuoso ma necessario, per cercare di volare più alti e per uscire dalla mediocrità. Le conferenze di Lievito nelle scuole sono state probabilmente il messaggio più tangibile.

Indimenticabile la lezione sulla legalità di Gherardo Colombo al “Salvemini”, in cui si è parlato di regole e di Costituzione. Stimolante la lezione dello scrittore Marcello Fois al Liceo Classico sul senso del classico. Bello il messaggio finale di Fois: “…il talento non serve a nulla se non lo si coltiva con 8 ore di lavoro al giorno…”

Un esempio di speranza l’incontro con la novantunenne (ho scritto bene!) Giulia Ingrao al Liceo Scientifico “Grassi” (potete vedere i vari momenti, curati da Nicholas Perinelli su you tube – canale Lievito 2013 – o su http://lievito.org). Il suo invito ai ragazzi a non rassegnarsi, a non essere indifferenti, a nutrirsi di cultura perché la cultura è anche politica, sono un manifesto di vitalità che ognuno dovrebbe fare proprio.

RINGRAZIAMENTI CONCLUSIVI

L’attenzione di così tanti ragazzi, la loro partecipazione, rappresentano un obiettivo centrato nel nostro lavoro di movimento civico. Un obiettivo su cui continuare a lavorare. E così le conferenze pomeridiane e gli incontri con gli autori, gli emozionanti momenti dello spazio acustico al Palazzo M (complimenti ad Antonella Di Muro che, in collaborazione con Stefania Cavalcanti, ha curato questa sessione musicale), le degustazioni, gli spettacoli al Cafaro (Niccolò Fabi e Ambrogio Sparagna sold out). Dobbiamo lavorato bene e si può fare ancora meglio.

Un anno di esperienza è servito. Sempre molta gente. Contenta. Spesso giunta con il passaparola. Sempre nuovi iscritti all’associazione. Forse in questo momento di vuoto, di sconcerto della politica, stiamo dando un segnale di concretezza e di speranza. La speranza di credere in una città migliore, partendo da un cittadino migliore.

L’essere andati su RaiUnoMattina (link: http://www.rai.tv/dl/replaytv/replaytv.html#), l’editoriale di Pietro Antonelli sul Settimanale sono stati piccoli ma graditi riconoscimenti da condividere con tutti voi.

Un grazie speciale ai miei compagni di viaggio del Comitato Organizzatore: Giulio Capirci, Laura Cogrossi e Felice Costanti. Tante serate, tanto stress piacevolmente condiviso, tanto tempo impegnato, tanto sudore profuso insieme a loro. Un grazie particolare alla Guardia di Finanza per la gentile e squisita ospitalità che ci ha concesso.

Grazie a chi ha dato la disponibilità a patrocinare la rassegna dandoci fiducia e credito. Grazie a Fabio “Caterpillar” D’Achille, per aver curato l’allestimento della mostra d’arte MAD;a Renato Chiocca per la sua Direzione Artistica, oltre che per la conduzione di molti eventi. Grazie a Graziano Pacenza, responsabile della sicurezza; a Gianluca Cappelletti, che ha curato la direzione tecnica. Un impegno dietro le quinte, senza il quale non si va in scena.

Grazie ai nostri partner: l’Irish Pub Doolin di Elena Corradini, il Latina Jazz Club di Luciano Marinelli e il Teatro Moderno di Gianluca Cassandra. Un grazie ancora più speciale a tutto lo staff di Lievito; all’ufficio stampa coordinato da Enzo Abbruzzino; al settore comunicazione (grafica, riprese, web e molto altro) ed infine a Bruno Mucci per l’artwork. Non elenco tutte le persone che hanno garantito il successo della rassegna con il loro continuo impegno perché sono molte e correrei il rischio di dimenticare qualcuno.

Si può essere una squadra in due modi. Uno è quello della squadra che ha un solista di grande talento, che fa la differenza ed attorno al quale ruotano tutti gli altri. Ma quella è una squadra limitata e condizionata dagli umori del grande solista e che quindi non può andare molto lontano.

L’altra è una squadra dove tutti fanno la loro parte, dove ognuno mette il suo mattone e si sente protagonista, dove ognuno si spende per l’altro e compensa le eventuali mancanze dell’altro (grazie per averlo fatto nei miei riguardi, in un momento particolare…), dove c’è il piacere di condividere le cose, dove c’è la passione che lega lo spogliatoio verso un obiettivo comune. E la passione, insieme all’onestà degli intenti, credo che sia stato il sentimento percepito da tutti.
Dalla gente e dagli artisti. Questo credo sia il risultato più bello.
Questo significa essere una grande squadra.
Questo significa poter andare lontano…
Grazie a tutti e arrivederci a Lievito 2014.
Damiano Coletta
Presidente Ass. Rinascita Civile
per il Comitato Organizzatore Lievito 2013

“Se vuoi andare veloce vai da solo, se vuoi andare lontano vai con altri”
(Proverbio africano)

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto