Donne contro la violenza, il Centro Lilith manifesta a Roma

Il Centro pontino denuncia il rischio di penalizzare il lavoro ventennale delle associazioni

lilithLATINA – Hanno manifestato oggi  davanti alla sede della Conferenza Stato-Regioni di Roma, per denunciare il rischio di penalizzare il lavoro ventennale delle associazioni che da anni operano per prevenire e contrastare la violenza maschile sulle donne. Una rappresentanza del Centro Donna Lilith di Latina ha preso parte alla protesta promossa dall’associazione D.I.Re (Donne in Rete contro la violenza).

Alla base della protesta  lo stanziamento di 17 milioni di euro previsto dalla legge 119/2013 (la cosiddetta “legge contro il femminicidio”) per il biennio 2013-2014, che tra circa un mese diventerà effettivo. “I fondi – spiegano in una nota i rappresentanti del Centro Lilith –  sono destinati alla prevenzione e alla lotta contro la violenza sulle donne.
Ma a chi andranno le risorse stanziate e come ne beneficerà la lotta alla violenza sulle donne?
Il 67% del finanziamento sarà gestito dalle Regioni e solo il 33% andrà ai centri antiviolenza e case rifugio che riceveranno circa seimila euro ciascuno per il biennio. Una cifra irrisoria e del tutto insufficiente a coprire le necessità effettive dei centri, a incrementarne la possibilità di intervento o incentivarne la progettualità.
L’esiguità degli stanziamenti non è l’unico problema. Desta indignazione l’assenza di un criterio coerente e ponderato di ripartizione dei fondi e il mancato riconoscimento del lavoro dei centri antiviolenza. La maggior parte dei fondi andrebbe, infatti, alle Regioni, che avrebbero il compito di finanziare generici progetti “contro la violenza”. Il rischio è quello di disperdere risorse e distribuire i fondi a soggetti poco competenti, anziché destinarli a quelle associazioni che lavorano da tempo e efficacemente sui territori. Il lavoro di contrasto e prevenzione della violenza maschile contro le donne non si improvvisa: si basa su competenze specifiche, strategie e metodologie di intervento condivise e frutto di anni di esperienza, ricerca e confronto. Un approccio focalizzato sulla donna e sul suo diritto alla autodeterminazione”.
La lunga storia dei centri antiviolenza in Italia è un cammino politico e teorico, un incessante lavoro di apprendimento, un prezioso laboratorio di elaborazione e raccolta di saperi e pratiche a sostegno delle donne che subiscono violenza. Una superficiale ripartizione di fondi, già insufficienti, rischia di penalizzare il lavoro ormai ventennale delle associazioni, danneggiando così il lavoro delle donne contro la violenza e le donne stesse.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto