scuola

Robots League, la competizione alla Frezzotti – Corradini di Latina

Trecento ragazzi hanno partecipato alla manifestazione, aiutati dai ragazzi del Marconi

LATINA – Si chiama “Robots League” ed è una competizione robotica educativa che si è svolta presso la scuola Frezzotti Corradini di Latina e che ha interessato 14 classi dell’istituto secondario di Primo Grado. Più di 300 studenti hanno partecipato alla manifestazione, ideata ed organizzata dal professor Marco Torella, sperimentando i temi del coding e della programmazione di macchine.

Il calendario ha previsto incontri eliminatori a partire dagli ottavi di finale, fino ad arrivare alla finale di venerdì scorso, che ha decretato i vincitori: i ragazzi della terza B che hanno sfidato i loro compagni di corso della seconda. “Nel nostro immaginario collettivo le macchine, i robot ed i computer sono legati allo stereotipo del distacco e della passività, rappresentano per molti l’emblema della precisione, del freddo calcolo e dell’esecuzione meccanica di comandi – spiega il professore – Ma questa manifestazione ha dimostrato come a volte gli stereotipi possono essere “capovolti” se permettiamo a noi stessi e ai ragazzi di cambiare il punto di vista e di osservazione. Dal distacco al coinvolgimento, dalla passività all’attiva ricerca di strategie vincenti, dal semplice calcolo alla pianificazione di numeri, dall’indifferente esecuzione alla partecipazione complice e condivisa. Questo e molto altro ancora hanno messo in scena i ragazzi, dimostrando che ancora una volta alla base dell’apprendimento altro non c’è che la curiosità di scoprire e capire”.

“E’ da questa curiosità che si è partiti per  insegnare la tecnica che è alla  base della programmazione di questi robots, la stessa tecnica che permette di utilizzarli per giocare a calcio, a “Sumo” o per farli correre a gran velocità. I ragazzi hanno poi nutrito la tecnica con con idee e competenza, trasformando quelle nozioni in energia vitale dei robots: comandi, strategie, sequenze. Quei robots sono diventati i loro robots: hanno gareggiato con una personalità,  hanno corso con convinzione,  hanno combattutto con coraggio, hanno segnato con precisione. E come loro hanno sudato, hanno vinto, hanno perso, hanno riso  e hanno pianto. Insieme, in un bella condivisione di buone energie. Insieme , in un progetto che ha insegnato qualcosa a tutti. Insieme, con i ragazzi più grandi dell’istituto Marconi che con pazienza e impegno li hanno accompagnati dalla prima all’ultima gara. Insieme, nell’idea che ciò che si vive si impara prima”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto