di e con Angela Iantosca

Iolanda ha lo stesso sogno di suo nonno Martin

La nipote di Luther King: "Un mondo senza armi"

Aveva un sogno Martin Luther King. Ma il 4 aprile del 1968 alle 18 gli fu strappato. Fu strappato a noi in cerca di eroi e figure forti di riferimento per avere il coraggio di muovere un passo.

Sono passati 50 anni ed eccoci qui a combattere per le stesse ingiustizie: perché non ci sono diritti se non di elimina La povertà. Ieri come oggi.

Oggi quasi 500milioni di persone vivono in povertà estrema e quasi 800milioni di persone soffrono la fame.

Ma Guerra e conseguenti spese per gli armamenti, razzismo e povertà sono problemi drammaticamente connessi. E in questo momento ci sono più di cinquanta paesi del mondo in conflitto, con picchi in Africa. Parlava di pace e uguaglianza Martin Luther King e ce lo hanno portato via. Ma a 50 anni di distanza a ricordarci che la lotta deve continuare e che continua ci sono il sorriso e la voce di una bambina di 9 anni capace di sovrastare centinaia di migliaia di manifestanti. Il suo nome è Yolanda.

La voce di King è tornata ed ha le sembianze di sua nipote. Una ragazzina con lo stesso sogno, un mondo senza armi: Spargete la voce che avete sentito, in tutto il paese, noi saremo una grande generazione… ha detto!

Lo speriamo Yolanda!

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto