Giallolatino, al via la quarta edizione

Giallolatino

LATINA – Tutto pronto per dare il via alla rassegna Giallolatino, il premio letterario che coinvolge il territorio organizzato dalla Ego Edizioni e ideato da Gian Luca Campagna. L’occasione ha dato il via al concorso letterario, aperto a tutti, nel quale i partecipanti dovranno cimentarsi nella stesura di un racconto di genere giallo, mistery o noir, obbligatoriamente ambientato nel territorio della provincia di Latina, e che non superi le 16mila battute di lunghezza (spazi inclusi, pena l’esclusione dal concorso).

FOTOGRAFIA – Aperta anche la seconda edizione del concorso fotografico ‘Visioni in giallo’, curato dal fotografo di Latina Roberto Gabriele. «Giallolatino è un progetto nel quale personalmente ho sempre creduto -queste le prime parole dell’assessore alla Cultura della Provincia di Latina Fabio Bianchi-, un’iniziativa intelligente che lega in modo concreto e razionale la cultura al territorio, in un progetto di marketing territoriale senza eguali, e che sono convinto allargherà sempre di più i suoi orizzonti e, di conseguenza, la visibilità di Latina e del nostro territorio».

Paola Barbato

BIG – Quest’anno i big in concorso, che soggiorneranno per un weekend nella nostra provincia, seguendo tre itinerari definiti (città di fondazione, centri collinari, costa) sono: Paola Barbato (nata a Milano nel 1971. Dal 1999 lavora come sceneggiatrice di fumetti, attività nella quale si è fin da subito distinta essendo stata chiamata a lavorare su alcuni numeri fondamentali del celebre “Dylan Dog”, l’indagatore dell’incubo che vive nella Londra dei nostri giorni, creato dalla penna di Tiziano Sclavi ed edito da Sergio Bonelli Editore, la casa madre del fumetto made in Italy. Per l’affascinante Dylan Dog esordisce con la trama di ‘Goblin’, per poi divenire nel tempo una colonna portante della testata. Nel 2006 inizia la sua carriera di scrittrice, pubblicando subito per un rinomato editore come Rizzoli, per il quale ha scritto il suo primo romanzo thriller “Bilico”. È del 2008 il suo secondo romanzo ”Mani nude”, edito Rizzoli, che ha vinto il Premio Scerbanenco (il riconoscimento di maggior rilievo nazionale per uno scrittore del genere giallo e noir); ha anche lavorato per la televisione nella fiction “Nel nome del male” con Fabrizio Bentivoglio, trasmessa da Sky nel 2009. L’ultimo libro di Paola Barbato è “Il filo rosso”, uscito nel 2010), Roberto Riccardi (nato a Bari nel 1966. È ufficiale superiore dei carabinieri, laureato in Giurisprudenza e Scienze della sicurezza. Per 13 anni si è occupato di indagini contro la criminalità organizzata in Sicilia, in Calabria e a Roma. Poi ha fatto l’ addetto stampa al Comando Generale dell’Arma, è diventato nel frattempo giornalista e nel 2007 gli è stata affidata la direzione della testata istituzionale, ‘Il Carabiniere’, e nel giugno 2008 ecco l’esordio nel mondo dei fumetti, con una serie interamente dedicata all’Arma dei: ‘Unità speciale’. Nel 2009 la casa editrice Giuntina di Firenze (specializzata in cultura ebraica che si rivolge a tutti i lettori con l’intento di far conoscere la storia e le tradizioni ebraiche) ha pubblicato il suo libro “Sono stato un numero”.  Del 2009 è la conquista del Premio Tedeschi – indetto da Mondadori – noto riconoscimento nazionale che si conferisce agli scrittori di gialli, con il romanzo “Legame di sangue”) e Pedro Casals (nato a Barcellona nel 1944. È uno dei più prestigiosi scrittori spagnoli, conosciuto in tutto il mondo grazie alle storie del suo personaggio, il detective Lic Salinas, sempre addentro questioni di intrighi internazionali e faccende oscure che riguardano le multinazionali e chi governa realmente la società globale oggigiorno. Il suo stile, le vicende del protagonista, l’amore che per le belle donne e la buona cucina lo accomunano molto a un altro grande romanziere di gialli iberico (o meglio, di ‘novela negra’), quel Manuel Vazquez Montalban a cui Andrea Camilleri deve parte delle sue fortune letterarie con il commissario Montalbano.

I misteri di Calsas

I suoi personaggi sono ironici, cinici, talvolta sbrigativi e altre volte nostalgicamente romantici: i protagonisti dei romanzi di Casals rispecchiano molto un mondo contemporaneo, fatto con le sue storture, le sue debolezze, le sue profonde contraddizioni, tanto che i personaggi non sono solo di carta ma assumono sembianze di carne e sangue per i sentimenti che riescono a esprimere, belli o pessimi che siano. Dagli inizi degli anni 90 è uno dei giurati del prestigioso premio letterario spagnolo ”Principe de Asturias” (considerato l’anticamera del Nobel), e dal 2004 è consulente del governo spagnolo per le attività e le iniziative a carattere culturale; in suo onore è stato inoltre indetto il premio “Pedro Casals” rivolto ai giovani aspiranti scrittori, unico caso di autore vivente a cui è intitolato un premio letterario).

APPUNTAMENTI – 18 maggio : Madrid, presentazione del progetto al Ministero della Cultura spagnolo, per una sinergia tra la Spagna e il territorio di Latina

21-23 maggio | Roberto Riccardi, primo big ospite (itinerario costa)

18-20 giugno | Pedro Casals, secondo big ospite (itinerario città di fondazione)

25-27 giugno | Paola Barbato, terzo big ospite (itinerario colline) luglio – agosto | promozione e reading letterari in tutta Italia

30 settembre – 3 ottobre | Al via il F estival che si terrà presso il museo Cambellotti di Latina.

Per info a aggiornamenti è possibile consultare la nuova versione del sito www. giallolatino.com

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto