Kiwi pontino coltivato con agrofarmaci vietati, quattro arresti dei Nas – AUDIO

Un momento della conferenza stampa in Procura

CISTERNA – Il kiwi pontino e non solo coltivato con fitofarmaci vietati dal Ministero o preparati in laboratori clandestini e giudicati dalle analisi dell’Arpa dannosi per la salute pubblica. Lo hanno scoperto i Carabninieri  del Nas di Latina nel corso dell’operazione “SuperKiwi” che ha portato alla luce l’esistenza di un’associazione per delinquere finalizzata alla commercializzazione e all’utilizzo di prodotti illegali e cancerogeni per le colture di kiwi.

GLI ARRESTATI – Quattro persone sono state arrestate e si trovano ai domiciliari, tre di Cisterna e un romeno residente ad Aprilia. Sono un uomo di 51 anni S.V., titolare di un vero e proprio laboratorio clandestino ad Aprilia che è stato sequestrato, è considerato il chimico del gruppo; T.I. 59 enne titolare di un’azienda commerciale del settore; D.C. di 43 anni che consegnava la merce a domicilio agli agricoltori e lo straniero di 47 anni, Y.K., operaio specializzato nella miscelazione delle sostanze. Sotto accusa il Dolmex che arrivava direttamente dalla Cina utilizzato per favorire il risveglio delle gemme; e il Sitofex, un anabolizzante, dunque dopante dei frutti, risultato nocivo soprattutto per l’ambiente.

GLI INDAGATI – Altre 47 persone tra cui circa 30 coltivatori di kiwi della nostra provincia sono state indagate nell’inchiesta coordinata dal Pm della Procura di Latina, Giuseppe Miliano, e  denunciate anche per ricettazione. Secondo i militari del Nas erano ben consapevoli di utilizzare prodotti vietati. Al mic di federica Reggiani il colonnello Pierluigi Felli. Ascolta  audioFelli 13-5-10]

I KIWI NON SONO CONTAMINATI” – Nonostante l’utilizzo nelle colture di prodotti vietati e dannosi, però, non è stata accertata la contaminazione dei frutti, che non sarebbero dunque nocivi per la salute come ha voluto sottolienare il sostituto Miliano…-..audioMiliano 13-5-10]

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto