Poverini-Udc ore decisive. Zappalà potrebbe dover cedere l’assessorato

 

L'Aula della Regione Lazio

REGIONE – Sono ore decisive per l’accordo tra la presidente della Regione Lazio Renata Polverini, il Pdl e l’Udc, ancora fuori dalla giunta alla quale ha garantito solo l’appoggio esterno. Il 12 maggio bisognerà eleggere il presidente del Consiglio regionale, e sarà quello il banco di prova per la tenuta della coalizione.

CASINI –  «La Polverini che non ha rispettato gli accordi, è un problema suo – ha detto Pier Ferdinando Casini – Noi abbiamo stipulato patti che non sono stati rispettati. Avevamo un accordo». Dopo l’affondo la neo Governatrice ha telefonato al segretario nazionale Lorenzo Cesa. Secondo quanto si apprende  l’Udc non demorde e vorrebbe fare entrare nell’Esecutivo Polverini due uomini (forse Ciocchetti e il cosnigliere regionale pontino Aldo Forte). Polverini sarebbe invece più propensa a concedere un uomo e una donna. A dover cedere la poltrona potrebbe essere proprio l’altro assessore pontino, Stefano Zappalà che ha ottenuto la delega al turismo e si è messo a studiare da subito.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto