Zoroddu capo di Gabinetto ad interim e Ronghi segretario generale, lo ha deciso la giunta regionale

Renata Polverini

ROMA – La Giunta regionale del Lazio, che si è riunita questa mattina, ha approvato una determina che nomina Pietro Giovanni Zoroddu a capo di Gabinetto ad interim e Salvatore Ronghi segretario generale. Sono stati anche rinnovati tredici contratti per altrettanti direttori in scadenza delle venti direzioni generali della Regione. La neo governatrice ha ricevuto anche la visita del ministro Sacconi che ha parlato dell’obiettivo risanamento per la sanità del Lazio. “Sono venuto prima di tutto per salutare una carissima amica che è stata una interlocutrice quando era leader sindacale” – ha detto il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi – abbiamo parlato delle sfide che deve affrontare  il risanamento e lo sviluppo dei servizi socio-sanitari, il lavoro e la formazione”.

Sulla sanità del Lazio ha parlato oggi anche il senatore Cesare Cursi, presidente della X Commissione permanente al Senato. Il modello è il Veneto, ha detto Il Lazio – ha detto – è una regione caratterizzata da “profonde contraddizioni” e mostra il “ricorso ad un’eccessiva ospedalizzazione, non riferita tanto alla quantità dei posti letto a disposizione ma all’inappropriato ricorso che viene fatto dal cittadino verso la struttura ospedaliera”. “Nel Lazio contiamo il 27% di ricoveri di degenza massima di uno o due giorni – afferma Cursi – quindi inutili “occorre passare da una logica ospedalocentrica, verso un’assistenza integrata ospedale-territorio”, anche in previsione del progressivo invecchiamento della popolazione. “Tra venti anni – aggiunge Cursi – non sarà più possibile, come avviene oggi, assistere in ospedale pazienti con patologie come il diabete o altre malattie croniche”. il senatore fa il paragone con il Veneto: “ha circa gli stessi abitanti del Lazio e ha riservato 18 mila posti letto agli anziani. Nel Lazio siamo a 2 mila”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto