Aliscafo per Ponza incagliato ad Anzio. Sfuma il sogno di 121 passeggeri

ANZIO – Prima il traghetto incagliato, poi un’avaria a rovinare l’avvio del fine settimana per 121 turisti diretti a Ponza. Venerdì intorno a mezzogiorno, l’aliscafo diretto sulla maggiore delle Isole Pontine è rimasto incagliato all’uscita del porto di Anzio. Immediato l’intrevento della Capitaneria di porto, i  121 passeggeri sono stati strasferiti su alcuni gommoni e poi fatti salire su un secondo aliscafo che, però, fatte poche miglia, si è bloccato al largo del poligono di Nettuno, a quanto si apprende per un’avaria alle ali.

PROBLEMA RICORRENTE – La Capitaneria ha aperto un’inchiesta, l’incagliamento è un problema non nuovo: un banco di sabbia all’imboccatura del porto crea spesso problemi ai natanti. Solo il il 27 maggio scorso era toccato ad un altro aliscafo, di ritorno da Ponza.

L’EX SINDACO –  L’episodio avvenuto oggi ad Anzio, dove un aliscafo è rimasto incagliato all’imboccatura del porto è l’epilogo della guerra fatta al porto e alla città dal centrosinistra”, afferma il senatore Candido De Angelis, il quale ricorda come: Non solo Marrazzo, Astorre, Montino e Zaratti hanno bloccato l’iter per la realizzazione del nuovo porto, ma hanno anche accumulato inspiegabili ritardi nelle attività di manutenzione ordinaria, com’è l’escavo, con lavori irrisori rispetto alle reali necessità. Il risultato è la nuova situazione di insabbiamento, praticamente dopo un anno dai lavori e lo spreco di denaro pubblico”.

Da qui il sollecito alla presidente della Regione, Renata Polverini: Capisco tutti i suoi problemi, ma serve un intervento immediato sull’escavo, così come il definitivo via libera alla realizzazione del nuovo porto”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto