Batteriosi del kiwi, le organizzazioni delle imprese fanno il punto. “Interventi immediati” – Audio

Zottola, Tiero e Perinelli presso la sede della CCIAA di Latina

LATINA – «Le piantagioni di kiwi giallo sono ormai completamente attaccate dalla batteriosi. Si parla per la sola provincia di Latina di circa 30 milioni di euro di danni. Servono interventi immediati». E’ l’appello accorato lanciato dal Presidente della Camera di Commercio di Latina Vincenzo Zottola, un appello condiviso dalle maggiori organizzazioni delle imprese agricole e dai dipendenti del settore, per cui la perdita sul fatturato dei raccolti raggiunge picchi anche del 30-40%.  Secondo i dati resi noti questa mattina dalla Confederazione Italiana Agricoltori e dalla Confagricoltura del Lazio, riunite presso la sede dell’ente camerale del capoluogo, su 600 ettari di kiwi giallo piantato circa l’80% è stato abbattuto a causa della malattia. «E’ importante – continua Zottola – che Camera di Commercio, Provincia e Regione facciano squadra per la tutela di un comparto che sul territorio è di rilevanza primaria».

ASCOLTA L’INTERVISTA A VINCENZO ZOTTOLA:

audioZottola]

LE RICHIESTE – «Per combattere la batteriosi del kiwi e porre rimedio alle difficoltà che il settore agricolo locale si trova a vivere, sono necessarie soluzioni concrete e tempestive» ha spiegato al tavolo di concertazione Paolo Perinelli, presidente di Confagricoltura Lazio. Tra le priorità delle organizzazioni di rappresentanza: istituire un’unica unità di crisi e un comitato speciale d’emergenza; accessibilità immediata ai fondi dell’Unione Europea; avviare un confronto con le banche e l’Inps perché le scadenze a carico degli agricoltori siano prorogate; predisporre un piano di prevenzione e comunicazione e procedere ad una ricognizione territoriale per capire quali siano le piantagioni effettivamente danneggiate.

ASCOLTA L’INTERVISTA A PAOLO PERINELLI, PRESIDENTE REGIONALE CONFAGRICOLTURA:

audioPerinelli]

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto