Pd: “Sognamo una nuova Latina, eccola”

Pd Logo

LATINA – Attraversiamo una fase difficile e delicata della vita politica. Sul piano nazionale si fa sempre più acuta la crisi determinata dall’intreccio tra l’aggravarsi della questione sociale, che la manovra del Governo rischia di appesantire e quella democratica, che ha trovato nella “legge bavaglio” sulle intercettazioni l’ultimo terreno di attacco. Sul piano regionale i primi passi della Giunta Polverini segnalano una grande debolezza politica e una totale subalternità a scelte del Governo nazionale che penalizzano pesantemente il territorio provinciale (piano riorganizzazione rete ospedaliera, abbandono fondi CIPE per le grandi opere…). In provincia assistiamo ormai a una vera e propria faida all’interno del Popolo della Libertà, della quale le vicende del Comune di Latina sono la rappresentazione emblematica. Le divisioni del Popolo della Libertà diventano sempre più un pericoloso fattore di instabilità che indebolisce il tessuto istituzionale e delle autonomie locali in un momento nel quale occorrerebbe un impegno energico e corale per affrontare le drammatiche emergenze della provincia a cominciare da quella del lavoro, dell’occupazione e della infiltrazione criminale nell’economia.

Tale situazione carica di grandi responsabilità il Partito Democratico, ci chiama con forza ad assumere un’iniziativa capace di dare una prospettiva a tanti cittadini che vivono incerti e smarriti nella crisi e che di fronte al fallimento del centro destra non avvertono l’esistenza di una credibile alternativa politica in provincia di Latina. Il Partito Democratico in questi anni, nonostante l’impegno generoso di tanti, si è costituito più come somma di comitati elettorali o di rappresentanze di notabilati locali, che come forza radicata sul territorio, capace di costruire un’iniziativa autonoma, di mettere in rete le tante energie che avevano dimostrato disponibilità ed interesse per il nostro progetto. L’attività dei circoli langue e in troppe realtà la nostra iniziativa è del tutto assente. C’è bisogno di una inversione di rotta radicale, di un grande salto di qualità nel nostro lavoro.

In questo quadro è necessario un congresso che non si riduca all’ennesima “conta interna”, ma si intrecci con l’iniziativa politica, a cominciare dalla mobilitazione per una profonda modifica della manovra economica e proseguendo con iniziative per il rilancio economico della nostra provincia dentro un campo irrinunciabile di valori: equità, sostenibilità ambientale, solidarietà.

Un Congresso che rappresenti l’occasione di un grande dibattito politico e culturale, aperto alle altre forze del centro sinistra e della società, di radicamento del Partito nel territorio rafforzando il ruolo dei circoli e mettendo in campo le forze migliori in modo unitario al di là di rigide divisioni tra componenti, di avanzamento di una nuova leva di dirigenti per i massimi ruoli di responsabilità provinciale, di preparazione politica delle importanti scadenze elettorali amministrative del prossimo anno. Occorre costruire le condizioni, le procedure e darsi i tempi necessari per raggiungere tali obiettivi. Per questo è necessario che la prossima Assemblea approvi il piano di lavoro e di iniziative politiche, le proposte procedurali e le modalità organizzative che meglio possano permetterci di rispondere all’esigenza dei tanti nostri iscritti di un dibattito sereno ed aperto, non chiuso in gabbie rigide che premino i meccanismi di fedeltà rispetto alle capacità e volontà di impegno. Le aree politiche sono una realtà fondamentale per garantire il pluralismo e stimolare il confronto politico e culturale. Noi stessi in questa direzione intendiamo dare il nostro contributo. Al tempo stesso pensiamo che sia necessario, specie nella fase attuale, uscire da logiche rigide di corrente, per scommettere insieme su un Partito democratico unito e rinnovato, per costruire l’alternativa in provincia di Latina.

Agli imminenti appuntamenti elettorali dovrà giungere un partito profondamente radicato e responsabile capace di proporre un patto per il governo locale alle forze politiche e civiche alternative al centrodestra. Un partito che ancora prediliga momenti ampi e popolari di partecipazione alle scelte, come le primarie hanno saputo rappresentare in questi anni.

 

 

Riceviamo e pubblichiamo

dal PD Latina 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto