Straniere violentate e poi “vendute” in locali del litorale: sei arresti a Velletri

VELLETRI – Obbligavano giovani donne a prostituirsi nelle abitazioni dei clienti e all’interno di locali notturni arrivando anche a mutilarle se si rifiutavano. Prima, per far capire chi comandava, le violentavano. Una banda di sei persone composta da romeni, tunisini e da un italiano tutti tra i 35 e i 50 anni, sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Velletri.

Secondo i Carabinieri i sei arrestatiavevano fatto della tratta un’attività redditizia: hanno avviato alla prostituzione numerose giovani donne che – secondo quanto accertato nel corso delle indagini – venivano “vendute” in locali del litorale laziale. Un vero mercato del sesso e, in caso di rifiuto da parte delle ragazze, dopo la violenza sessuale, venivano attuate pesanti ritorsioni come la mutilazione di parti del corpo. Le giovani, romene e sudamericane, saranno affidate ai servizi sociali.

Nel corso dell’operazione è stato sequestrato un club privè.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto