“Viterbo in giallo”, ospite lo scrittore pontino Gianluca Campagna

Gian Luca Campagna

VITERBO – Sabato 12 giugno all’Università popolare di Viterbo alle ore 17 lo scrittore e giornalista Gian Luca Campagna farà parte della tavola rotonda dell’evento ‘Viterbo in Giallo’, manifestazione curata da Federica Marchetti e che mette in confronto autori nazionali che hanno per caro il tema giallo, mystery e noir. Accanto allo scrittore di Latina ci saranno Franco Limardi, Gino Saladini, Francesca Ventura, Pierluigi Peruzzi, Dario Falleti.

Lo scrittore pontino è stato invitato per parlare del noir, della ristampa del suo ultimo lavoro di narrativa, “Come quando fuori piove”, che a breve troverà collocazione nelle librerie di tutta Italia in seguito alla distribuzione e diffusione su canali nazionali. La raccolta di quattro racconti è stata riveduta e corretta, ha mutato formato e veste grafica, costa euro 12.

Da non dimenticare che Gian Luca Campagna da diversi anni segue “Giallo Latino”, la rassegna letteraria del giallo e del noir, svolto e ambientato nella provincia di Latina e che vanta, ogni anno, la partecipazione di autori importanti del genere. Dal prossimo anno Giallo Latino si sposta anche in Spagna e a Cuba per un accordo firmato solo pochi giorni fa con le amministrazioni.

RACCONTI – Quattro semi, quattro storie. Un poker di quattro bluff. Uno scrittore dall’animo noir gioca le sue carte sul tavolo verde sfidando apertamente il lettore in quattro storie collegate tra loro da uno spesso filo nero e da una cinica ironia. Nei quattro racconti dai risvolti grotteschi e inquietanti, tempi e modi si dilatano con ordinaria follia, coi protagonisti che si rincorrono nelle loro tragiche imperfezioni: qui i lettori sono chiamati a svelare enigmi, omicidi e misteri, salvo accorgersi che all’ultimo rigo niente è come appare. In Adua (cuori) una sensuale madame consola a modo suo un ufficiale italiano di stanza in Abissinia; ne Il Teorema di Ginsberg (quadri) quattro giocatori sono impegnati in una anomala mano di strip poker; in Un fiore all’asta (fiori) una show girl mette in vendita la propria verginità soccombendo in maniera inusuale nel bizzarro finale; in Ius primae noctis (picche) si intrecciano e si sovrappongono le personali vicende di sposi, sacerdote e testimoni in una moderna Franciacorta dove però si perpetua un antico diritto medievale.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto