Fotemusa propone la proiezione di Nuova Madre

Fotemusa2010

LATINA – Il progetto culturale FOTEMUSA (fotografia teatro musica a Sabotino) che quest’anno affronta la tematica dell’integrazione, per il secondo anno a Borgo Sabotino, a cura di Vincenzo Notaro, Carraro Alvaro e Fabio D’Achille – MAD rassegna d’arte contemporanea, sempre nei locali del Consorzio Agrario di Borgo Sabotino in via Foceverde. Domenica 4 luglio, alle ore 18,00 il progetto propone la proiezione del documentario “NUOVA MADRE” regia di Renato Chiocca, soggetto di Gabriella Valentini vincitore del premio Latina Film Fund 2009.

Con l’appuntamento di domenica si continua ad affrontare la tematica dell’integrazione, questa volta, attraverso le immagini sapientemente organizzate nella narrazione del documentario di Chiocca che cerca di esplorare la complessa identità delle popolazioni dell’Agro Pontino attraverso l’intreccio di vite, luoghi e memorie come in un unico e stratificato ritratto. Un ritratto a più voci del territorio che dalla sua origine è sempre stato terra d’immigrazione. Indiani, polacchi e veneti. L’incrocio di tre comunità nell’Agro Pontino secondo le storie di Vicky, Robert e Lino. Tre vite seguite ed ascoltate tra religione, memoria e lavoro. La d

 

 

urata del documentario è di 26’ minuti, la fotografia di Marco Carosi (Il Sol dell’Avvenire di Gianfranco Pannone), musica del maestro Marco Russo ( vincitore del Mario Nascinbene Award). Raccontare la realtà che ci circonda attraverso le immagini per descrivere persone, ambienti, situazioni di vita, storia,atmosfere della realtà locale per dare voce e contribuire al dialettica sulla tematica dell’integrazione

L’ incontro sarà preceduto da un’introduzione dell’ideatore Vincenzo Notaro e di Fabio D’Achille curatore di Mad. Il progetto articolato in più eventi durerà fino al 14 agosto2010. L’ingresso è gratuito. Si ringraziano il Consorzio Agrario per aver messo a disposizione i locali, Alvaro Carraro e la Parrocchia del Borgo che ha sostenuto economicamente l’evento.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto