Illuminate le aree archeologiche a Formia

FORMIA – L’impianto di illuminazione all’interno del Cisternone di Formia è da qualche giorno di nuovo funzionante. Lo dichiara l’assessore alla cultura Amato la Mura.

“La monumentale struttura risalente al 1° Secolo A.C. , fiore all’occhiello del patrimonio archeologico di questa città, ha fatto registrare per un solo giorno un problema all’impianto elettrico. Un guasto che siamo riusciti prontamente a sanare restituendo alla Basilica sommersa gli effetti straordinari delle luci sulle pareti e sulle acque. Una magia surreale di colori e di riflessi che rendono l’ambiente godibile e fruibile al turista”. Ma non c’è solo il Cisternone recuperato allo splendore e alla luce, una delibera di giunta approvata in mattinata per l’installazione delle luci sui principali siti archeologici della città. Si tratta di un finanziamento regionale di € 138.000 e con fondi comunali di € 52.000 per una riqualificazione luminosa dei seguenti beni: Torre di Castellone, Cisternone Romano, Fontana Romana di San Remigio, Tomba di Cicerone, Criptoportici Villa Comunale, Criptoportici Via Vitruvio.

L’ illuminazione della Tomba di Cicerone e dell’intera area archeologica riveste un particolare significato alla vigilia della II edizione de ” Le Notti di Cicerone”, l’evento internazionale in programma per i giorni 17-18-19 settembre 2010 alla scoperta della nostra storia e della romanità presente in questa città. La presentazione in conferenza stampa dell’intero cartellone della manifestazione è prevista per sabato prossimo alle ore 12,00 presso la Sala Sicurezza del Comune di Formia.

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto