Inchiesta sulle Fs: c’è anche il nome di Clemente Carta

LATINA – C’è anche il nome del pontino Clemente Carta nelle intercettazioni dell’inchiesta sugli appalti Trenitalia che ha portato all’arresto di 5 persone da parte della Guardia di Finanza su richiesta della Procura di Napoli. È un politico Udc e rappresentante legale del Fer Credit Servizi Finanziari spa appartenente al gruppo Fs. Originario di Latina, Carta è stato consigliere d’amministrazione di Ferrovie dello Stato, parlamentare presidente della commissione Finanze della Camera nella XI legislatura, e inoltre consigliere d’amministrazione dell’Anas.

Il suo nome sarebbe uscito nel febbraio scorso in una conversazione telefonica tra due degli arrestati, Fiorenzo Carassai e Giovanni De Luca.

Questo quello che accadeva secondo la Procura: in cambio del pagamento di tangenti da parte delle società appaltatrici, gli arrestati “pilotavano” le gare e l’affidamento ad imprese private (per lo più della zona di Napoli) di appalti e commesse relative alla manutenzione, alla rottamazione e, in generale, a tutti i lavori riguardanti carri e locomotive di Trenitalia spa.

Gli sviluppi dell’inchiesta potrebbero anche non limitarsi a Napoli. Altri gruppi, oltre a quello individuato dai magistrati di Napoli nell’inchiesta su tangenti negli appalti Trenitalia, opererebbero «in modo illecito nel settore delle commesse ferroviarie» e il sistema di «cartelli illegali» sarebbe «diffuso». Lo si legge nell’ordinanza del Gip. «Dagli spunti che sono affiorati nel corso delle investigazioni – riferisce il documento del giudice – sembra che il gruppo Arena-De Luca-Carassai sia solo uno tra quelli che operano in modo illecito nel settore delle commesse ferroviarie. Pare che il sistema dell’accordo fra imprese che si costituiscono in cartelli illegali e fra queste e la dirigenza ferroviaria sia diffuso perchè genera arricchimento agevole per tutti tranne che per la generalità dei cittadini – utenti – contribuenti». (Corriere della sera)

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto