Zaratti: “L’immobilismo della giunta nasconde un vero e proprio attacco all’ambiente”

La Presidente Renata Polverini

LATINA “L’immobilismo della giunta Polverini nasconde un vero e proprio attacco all’ambiente, a cominciare dallo smantellamento del sistema delle aree naturali protette del Lazio”. E’ quanto dichiara il consigliere regionale di Sinistra Ecologia e Libertà Filiberto Zaratti.  “Il primo assalto è stato sferrato dal Presidente Cusani e da alcuni amministratori locali nei confronti del Parco nazionale del Circeo – ricorda Zaratti – contro il Presidente Gaetano Benedetto e il Direttore Giuliano Tallone, rei negli ultimi due anni, di aver applicato la legge per reprimere abusivismo edilizio, attività non autorizzate e occupazioni demaniali illecite”.  “Poi è ripartita l’offensiva contro il Parco dei Castelli romani – prosegue Zaratti – con l’ennesimo tentativo di restringerne i confini, nonostante più volte il Tar del Lazio abbia ribadito l’assoluta validità della perimetrazione operata dalla Regione nel 1988”. “Oggi apprendiamo – prosegue Zaratti – che il Consiglio provinciale di Latina presto discuterà una proposta di legge che cancellerebbe il Parco dei Monti Ausoni e del Lago di Fondi, la cui prima conseguenza sarebbe una maxi speculazione edilizia sulle sponde del lago”. “Voglio sperare che il Presidente Polverini – conclude Zaratti – assuma una posizione chiara e decisa per tutelare le aree naturali protette regionali, che in questi anni oltre a rappresentare un sistema di tutela e protezione del ricco patrimonio naturalistico e ambientale della nostra regione, hanno di fatto moltiplicato opportunità di sviluppo sostenibile per molte comunità locali. Da questo punto di vista il taglio del 50 per cento delle risorse da parte del governo Berlusconi rischia di dare un colpo mortale all’economia legata ai parchi”.

 Riceviamo e pubblichiamo

da Filiberto Zaratti

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto