AUDIO – Certificati on line, pochi i medici pontini pronti. Righetti: “Tanti i problemi da affrontare”.

LATINA – Solo un medico su tre si è già dotato del pin necessario per la sperimentazione avviata con l’entrata in vigore del decreto Brunetta. Sono molti problemi da affrontare per medici e pediatri di base,  molti di più  sono quelli degli ospedalieri. Ne abbiamo parlato con il Presidente dell’Ordine dei Medici di Latina Giovanni Maria Righetti.

Sono 150 su 450 i medici di medicina geerale iscritti all’Ordine provinciale di Latina, ad aver ritirato il pin, ovvero il codice segreto, che consentirà loro di trasmettere i certificati di malattia on-line dalla nuova normativa. In pratica uno su tre. Gli altri camici bianchi pontini, si dividono fra quanti hanno seguito l’indicazione della Fimmg, la federazione italiana medici di famiglia di non ritirare il Pin, e quanti non sono affatto dotati di collegamento internet, una cosa che di questi tempi è un po’ anacronistica.

La sperimentazione dovrebbe essere operativa dal 19 luglio scorso, data fissata dal decreto per l’adempimento. Ma,  anche a parziale giustificazione dei medici che non hanno ritirato le proprie credenziali, c’è da dire che soltanto il 15 luglio la Asl di Latina ha comunicato le modalità per il ritiro del pin presso i distretti.

Un problema più serio riguarda i medici ospedalieri: il sistema informatico dei pronto soccorso della Asl di Latina – in buona compagnia di molte altre aziende sanitarie laziali – non è in grado infatti di “reggere” la rivoluzione apportata dalle nuove norme. Per essere in grado di produrre certificati on line, infatti, la Asl avrà bisogno di almeno altri sei mesi di tempo. E visto che il certificato va rilasciato dal medico che visita il paziente,  se la visita è in ospedale, è il medico ospedaliero a dover rilasciare il certificato.

ASCOLTA L’INTERVISTA al Presidente del’Ordine dei Medici, Giovanni Maria Righetti. audioCertificati on line]

Info anche sul sito www.ordinemedicilatina.it, tutte le informazioni possibili sull’argomento

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto