Fisco, una task force per controllare discoteche, porti e stabilimenti sul litorale del Lazio

LATINA Il Fisco scende in pista contro l’evasione nei locali da ballo. Nel Lazio al lavoro c’è una vera e propria task force composta da 35 funzionari delle direzioni provinciali dell’Agenzia delle Entrate del Lazio e da 15 ispettori della SIAE.

Nel mirino del Fisco ci sono ora discoteche e locali del litorale laziale che si affollano di turisti. Nella settimana di punta per le presenze nelle località balneari, scatta l’operazione coordinata dalla Direzione regionale dell’Agenzia con l’obiettivo di verificare l’emissione del biglietto di ingresso nei locali, la regolare registrazione degli incassi e l’eventuale presenza di lavoratori irregolari.

“Gli ispettori dell’Agenzia e della SIAE, nelle “ore piccole”, hanno piantonato i punti bar e i relativi registratori di cassa  – si legge in una nota – e hanno riscontrato che, nelle serate in cui erano presenti, veniva rilasciato un maggior numero di scontrini fiscali rispetto agli altri giorni. Attraverso i controlli sono stati, inoltre, acquisiti elementi utili a ricostruire il reale volume d’affari delle strutture monitorate”.

L’operazione anti-evasione proseguirà per l’intero mese di agosto e coinvolgerà tutte le attività “estive”: stabilimenti balneari, ma anche porti turistici e leasing nautici.

“Considerati i positivi risultati già acquisiti – avvertono dalla Direzione regionale del Lazio  –  le verifiche saranno ripetute con cadenza periodica”.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto