L’appello di De Marchis (Pd) a Nardone: “La metro: progetto da abbandonare”

Giorgio De Marchis

LATINA – «Quello della tramvia di superficie è un progetto da abbandonare al più presto». Lo dice il coordinatore comunale del Partito democratico Giorgio De Marchis, secondo cui «il Comune di Latina è ancora in tempo per salvarsi dal disastro economico al quale andrebbe incontro se andasse avanti con la costruzione della metropolitana leggera».  Il leader del Pd lancia un appello al commissario prefettizio Guido Nardone: fermare il progetto e «rendere note pubblicamente le spese sostenute finora dall’amministrazione per la progettazione e la gestione dell’opera».

«Alla luce di quanto accaduto in altre città italiane – spiega De Marchis –  il progetto non si fonda su numeri che assicurano un rendimento. E’ stato necessario commissionare più ricerche sul flusso dei passeggeri per arrivare alla fatidica soglia degli ottomila giornalieri. Tutti coloro che vivono a Latina e conoscono la città sanno benissimo che quel traguardo è impossibile da raggiungere, pertanto la realizzazione del progetto determinerebbe una perdita costante per il concessionario che, come previsto dalla convenzione, potrebbe rivalersi sull’amministrazione, quindi sui cittadini, per ottenere le somme necessarie per coprire le perdite d’esercizio». L’esponente del Pd di Latina chiede di far luce sull’ammontare dei costi di progettazione: «L’amministrazione comunale di Parma per un’opera simile – cita ad esempio – finanziata con 172 milioni dal CIPE e 96 con mutuo comunale, ha speso  30 milioni di euro in progettazione, il caso è al vaglio della Corte dei  Conti e della Procura. Il progetto si è rivelato inutile per la città e rischia di diventare dannoso, un progetto sproporzionato del quale la popolazione non avverte l’utilità. Mi auguro che all’interno della gestione commissariale si possano trovare soluzioni per recedere da subito dal contratto nel modo più indolore possibile per le casse dell’amministrazione».

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto