Video Audio Foto – Incidente a piazza Roma, morto Gabriele Nale. Arrestato Gabriel Balescu, il pirata della strada che si nascondeva in centro

Shares

Il comandante Cipriano illustra i particolari dell'operazione

LATINA – Gabriele Nale non ce l’ha fatta. Il ragazzo è morto oggi all’ospedale S.M. Goretti di Latina a seguito delle gravi ferite riportate nell’incidente di qualche giorno fa dove è stato travolto a Piazza Roma dal pirata della strada che ora è in carcere e dopo due ore di interrogatorio ha confessato. Gabriel Viorel Balescu, operaio di 26 anni romeno, è stato arrestato dalla polizia stradale: è lui il conducente della Ford Kia che ha travolto e ucciso , in piazza Roma a Latina, Gabriele Nale. Insieme con il romeno, a bordo dell’auto, c’erano altri due stranieri che gli investigatori stanno cercando. La svolta nelle indagini è arrivata dalle testimonianze raccolte e da una attività di intelligence degli investigatori  dalla quale è emerso che il mezzo appartiene ad una nota azienda del capoluogo pontino e che il titolare lo aveva dato ad alcuni operai per spostamenti di lavoro. Il  proprietario, estraneo ai fatti, quando ha chiesto a Balescu cosa fosse accaduto alla Kia, ha ricevuto una risposta che poi con il passare delle ore non lo ha convinto: il romeno si è giustificato dicendo di essere finito contro un palo e che avrebbe pensato lui a ripagare dei danni causati alla vettura.

La Ford Kia su cui viaggiava Balescu

LA SVOLTA alle indagini nella notte: Balescu è stato arrestato in un appartamento di viale dello Statuto, nel centro di Latina. Era ospite di un connazionale, al momento dell’irruzione degli agenti nell’abitazione stava dormendo e non pensava di essere acciuffato. E’ stato condotto negli uffici di via dei Volsini, presso la sede della Polizia stradale, qui è stato interrogato e alla fine è crollato. L’accusa per lui , dopo la morte di Gabriele Nale, sarà probabilmente  quella di omicidio colposo ed omissione di soccorso, ma non sono da escludere accuse più “pesanti” o altre aggravanti data la gravità del caso: da verificare se Balescu al momento dell’incidente fosse in stato di ebbrezza e/o sotto effetti di sostanze stupefacenti. Si cerca anche l’uomo che lo ha ospitato e che sarebbe già partito per la Romania; anche lui era a bordo dell’auto pirata. L’indagine è condotta dal sostituto procuratore Maria Eleonora Tortora. Le condizioni di Gabriele Nale erano apparse da subito disperate. Balescu ha giustificato il grave gesto affermando di aver avuto paura e per questo non ha prestato soccorso al ragazzo.

L'arrestato

Soddisfatto per l’esito dell’operazione il comandante della polizia stradale Francesco Cipriano, che ha diretto le indagini: «L’arresto di Balescu è una promessa mantenuta».

La polizia ha lavorato anche sulle immagini riprese da alcune telecamere che si trovano nella zona, due in  tutto. La qualità non è delle migliori, ma si vede bene l’impatto tra il motorino che proveniva da Corso della Repubblica e andava dritto verso piazzale Carturan e la Kia, che è andata dritta passando con il semaforo rosso all’altezza dell’incrocio con piazza Roma.
ASCOLTA IL COMANDANTE CIPRIANO:

audioFrancesco Cipriano]

Guarda il video della Polizia di Stato sull’incidente

L’ASSOCIAZIONE FAMILIARI E VITTIME DELLA STRADA si costituirà parte civile nel processo nei confronti di Balescu, lo fa sapere in una nota l’associazione che ringrazia la polizia stradale di Latina che con impegno e professionalità ha condotto le indagini per risalire al pirata della strada.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto