Commercianti a Aprilia preoccupati dall’apertura di una nuova grande struttura

Aprilia

APRILIA – Apre una nuova grande struttura ad Aprilia e i commercianti sono preoccupati. La Confcommercio chiede che la Regione Lazio modifichi con urgenza la legge che ammette deroghe per l’apertura dei centri commerciali e delle grandi strutture di vendita. 

Il Comune di Aprilia ha convocato per lunedì 27 settembre presso gli uffici della Regione Lazio una Conferenza di Servizi propedeutica al rilascio di una Autorizzazione Amministrativa per la realizzazione di una nuova Grande Struttura di Vendita di mq. 7.730,32, di cui 4.537,00 per la vendita. L’iter amministrativo giunge così alla sua conclusione, dopo aver completato tutte le verifiche in merito alla destinazione urbanistica dell’area (in via del commercio, lungo la S.S. 148 Pontina), alla conformità del progetto rispetto alle norme tecniche del PRG e alla corrispondenza dell’intervento con le prescrizioni della Legge Regionale 33/1999 e le altre norme attuative. Né il Comune di Aprilia, né la Regione Lazio hanno avanzato alcuna obiezione agli atti presentati. Tuttavia a preoccupare è la situazione di saturazione della rete distributiva della provincia di Latina, ed in particolare proprio di Aprilia, che con 2 grandi Centri Commerciali e 61 Medie Strutture di vendita, assorbe il 20% della superficie di vendita dell’intera provincia. La Nuova Grande Struttura andrà a gravare, dunque, su una situazione di evidente indisponibilità di ulteriore superficie di vendita, tra l’altro stabilita dalla stessa Regione Lazio. Ma grazie al Documento Programmatico per l’Insediamento delle Attività Commerciali su Aree Private approvato dal Consiglio Regionale nel 2002 (Delibera n.131) tale struttura ha potuto ottenere una deroga. Da anni la Confcommercio reclama la sua urgente modifica, ma è ferma agli atti del Consiglio Regionale del Lazio una delibera di Giunta, la n. 57 del 09/11/2007, con cui si eliminavano le deroghe stabilite. Pertanto Confcommercio fa appello alla Regione Lazio, affinché sia immediatamente recepita la norma che elimina le Deroghe alle aperture delle Grandi Strutture di Vendita, dei Centri Commerciali e delle Medie Strutture di Vendita. “La nuova struttura di Aprilia” dichiara il Vice Presidente vicario di Confcommercio Italo Di Cocco “sia l’ultima concessione alla grande distribuzione che porta le piccole attività commerciali e gli operatori su aree pubbliche a soffrire la concorrenza dell’immissione sul mercato di migliaia di metri quadri di superficie di vendita e dunque l’offerta di altra merce oltre i limiti e gli indici che la Regione Lazio stessa ha stabilito. La rete distributiva della Provincia di Latina e di Aprilia denota già una situazione di eccesso di offerta da cui consegue una polverizzazione dei consumi, che congiunta al perdurare della stagnazione del potere di acquisto delle famiglie sta mettendo in ginocchio centinaia di piccole attività a prevalente conduzione familiare. Si intervenga dunque con urgenza anche per scongiurare il rischio di nuove aperture nei siti industriali dismessi di Latina, di Pontinia,di Formia e di Gaeta. La Confcommercio Provinciale di Latina, è pronta a discutere di queste problematiche con la Presidenza della Regione Lazio e l’Assessore all’AA.PP. in difesa dei commercianti e della economia sana della Provincia di Latina”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto