Nascita della consulta europea, presentato il progetto

Marco Tomeo

LATINA – Si è svolta quest’oggi presso la sala commissione della Provincia la seduta con all’ordine del giorno la presentazione del progetto di nascita della consulta europea dei comuni e della strutturazione dell’ufficio Europa della Provincia. L’assessore ai fondi Ue Marco Tomeo, convocato in audizione, ha illustrato il programma che avrà come primo obiettivo quello di riunire tutti i comuni per istituire una rete provinciale che sia poi coordinata dalla Provincia stessa sia dal punto di vista formativo che dell’orientamento e dell’assistenza alla partecipazione ai bandi europei. Tomeo in particolare ha ribadito che “L’’ufficio Europa della Provincia di Latina sta potenziando e migliorando la propria struttura attraverso l’attivazione di progetti di rete che intendono coinvolgere gli enti del territorio nonché altri attori come imprese e associazioni. Pertanto l’ufficio avrà il ruolo primario di coordinamento e supporto alla rete dei Comuni che intendiamo creare attraverso l’istituzione di una Consulta Europea, fornirà formazione specializzata sui temi di progettazione europea ai Comuni che aderiranno, offrirà consulenza sulle opportunità di finanziamenti comunitari e si farà promotore di eventi in-formativi su temi comunitari rispondenti agli interessi ed ai bisogni del territorio”. Tali passaggi verranno formalizzati in un apposito tavolo di confronto che si terrà il 20 di settembre presso la Provincia, e al quale sono stati invitati tutti gli amministratori e i funzionari che operano nell’ambito delle politiche europee. “In tale sede illustreremo nei dettagli il nostro progetto di rete, che prevede un corso di formazione sull’europrogettazione per i funzionari dei comuni che aderiranno, e successivamente la piena operativa dell’ufficio europa a supporto sia dell’analisi del fabbisogno di ogni ente che dell’eventuale partecipazione a bandi comunitari. Di fatto abbiamo provveduto ad inviare agli enti anche un questionario per mappare lo stato dell’arte sulle strutture operanti nei Comuni che si occupano di tematiche europee con lo scopo di avere un quadro delle esigenze in-formative su questi temi e quindi per poter essere in grado di operare in piena concertazione e condivisione nell’ambito della progettazione europea”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto