Approvato lo stato di crisi per il comparto agricolo – zootecnico del Lazio

Il consigliere regionale Di Giorgi

LATINA  – Esprimo grande soddisfazione per l’approvazione, a maggioranza, da parte del Consiglio Regionale di richiedere lo stato di crisi per il settore agricolo-zootecnico del Lazio, uno strumento reso indispensabile per la tutela di tutto il settore e soprattutto del territorio pontino, principalmente a valenza agricola. L’approvazione di ieri in Consiglio regionale, è per me una vittoria personale dato che sin dal mio insediamento alla Pisana ho cercato di portare avanti e far conoscere ai miei colleghi le istanze più volte sollevatemi da numerosi imprenditori agricoli della provincia di Latina. Nel corso dell’assise ho sottolineato l’opportunità della richiesta dello stato di crisi, ponendo l’accento sulle difficoltà degli aziende, in particolare quelle a conduzione familiare.

Nel corso del Consiglio inoltre abbiamo approvato, con voto unanime, le mozioni a firma di Francesco Storace (La Destra); Roberto Buonasorte (La Destra) e Raffaele D’Ambrosio (UDC), per favorire l’accesso al microcredito da parte degli operatori agricoli laziali.

Lo stato di crisi del comparto agricolo e delle sue produzioni una volta dichiarato, secondo la mozione, porrà gli imprenditori agricoli nelle condizioni di beneficiare di quanto disposto dalla legge 71/2005 e della legge 231/2005. Inoltre la dichiarazione servirà a “dare attuazione – si legge nel documento -alla piattaforma di proposte congiunturali già approvata all’unanimità da tutte le regioni d’Italia in seno al comitato agricolo nazionale, traducendola in azioni concrete e adeguatamente finanziate, non solo attraverso le risorse previste dalla legge finanziaria dello Stato”.

Sono risultati importanti, raggiunti grazie ad uno straordinario lavoro di squadra compiuto dalla maggioranza del Consiglio e dalla Giunta Regionale attraverso anche una interlocuzione permanente con le parti direttamente interessate.

 Riceviamo e pubblichiamo da

Giovanni Di Giorgi, consigliere regionale

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto