“Bianchi Veding”, ieri incontro al Ministero

CISTERNA – Si è svolto ieri, presso il Ministero dello Sviluppo Economico, l`incontro per la vertenza Bianchi Vending, che era iniziata a luglio scorso con lo sciopero durato oltre un mese dei 70 lavoratori a seguito della paventata chiusura dello stabilimento di Città Sant`Angelo Pescara. La vertenza era sta poi seguita, su richiesta della Segreteria Nazionale UGL Metalmeccanici Laura De Rosa, proprio presso il MISE, dove i vertici dell`azienda, le parti sociali, e le istituzioni coinvolte (Regione, Provincia, Comune) si sono prodigate nei precedenti incontri del 5 e del 30 agosto, a trovare le soluzioni anche in merito alla procedura di mobilità aperta dall`azienda a fine luglio e al rischio che la situazione potesse aggravarsi, coinvolgendo anche i siti di Pescara e Cisterna di Latina. Nell`incontro di ieri, dove per l`UGL erano presenti il Segretario Provinciale della UGL Metalmeccanci De Luca e il Segretario Provinciale della UGL di Latina Maria Antonietta Vicaro, si e`delineato un percorso di messa in sicurezza dei tre siti, grazie anche alla ripresa della produzione del 23 agosto a Città S.Angelo e della volontà da parte delle Istituzione e OO.SS. presenti, di sostenere il fututo occupazionale dei 70 lavoratori. La procedura di mobilita` e` stata ritirata, con l`impegno di verificare appena disponibile il piano industriale e l`accordo tra Soci e Banche che è in discussione.

“Segnali positivi – dice Vicaro M.Antonietta Segretario della UGL Metalmeccanici – che però ci riserviamo di analizzare appena avremo a diposizione documenti più concreti e attendibili, il primo segnale che però ci rassicura e`la consistenza del portafoglio ordini, sul quale l`azienda sta cercandi di coinvolgere i lavoratori anche sul recupero del ritardo nelle consegne, causato dallo sciopero e dalle difficolta` di ripresa regolare delle attività produttive, il prossimo incontro programmato entro l`inizio del 2011, segnerà una svolta decisiva nella vertenza Bianchi.”

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto