Incontro in Regione per la tratta ferroviaria Roma – Nettuno

APRILIA – Ieri pomeriggio, i Sindaci di Aprilia, Pomezia, Anzio e Nettuno hanno incontrato l’Assessore Regionale alla Mobilità Francesco Lollobrigida e il Direttore Regionale di Trenitalia Aniello Semplice per discutere dei problemi della tratta ferroviaria Nettuno – Aprilia – Roma e riportare i disagi lamentati dai pendolari, ovvero i ripetuti ritardi, l’affollamento delle carrozze, l’assenza di aria condizionata e le scarse condizioni igieniche. Durante la riunione, durata più di due ore, il Direttore A. Semplice ha assicurato che la pulizia dei treni viene già effettuata giornalmente ed ha assunto l’impegno di aggiungere un’ottava carrozza sui convogli per risolvere, almeno in parte, il problema dell’affollamento. Per evitare i continui ritardi, tra le proposte avanzate, è emersa la possibilità di saltare qualche fermata ad orari alterni, soluzione che, su richiesta dei Sindaci, verrà preventivamente sottoposta anche al parere dei pendolari. Per il 2011, inoltre, è stato confermato l’arrivo di nuovi treni, che in parte andranno a sostituire quelli della tratta Roma – Nettuno, ed un finanziamento di 35 milioni di euro per il raddoppio della tratta Aprilia – Campoleone. “Durante l’incontro avvenuto in Regione – ha commentato il Sindaco Domenico D’Alessio – abbiamo portato all’attenzione dei presenti le criticità della tratta ferroviaria in questione e i disagi vissuti dai pendolari. Problemi che nella nostra città sono particolarmente evidenti a causa dell’elevato numero di cittadini che per lavoro o per studio si dirigono quotidianamente verso la capitale. Per ora sono state ipotizzate diverse soluzioni e Trenitalia si è assunta degli impegni, possiamo dunque ritenerci soddisfatti dall’esito della riunione anche se è necessario continuare a monitorare la situazione e studiare delle alternative”. “Con l’occasione – ha concluso il Primo Cittadino – ho chiesto chiarimenti anche in merito al sottopasso della stazione di Aprilia dove i lavori sono stati interrotti. A breve riceveremo una risposta”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto