Musiche, teatro e danze rinascimentali, lo spettacolo a Fondi

FONDI – Uno spettacolo di musiche, danze e teatro rinascimentali. Si chiama “Giulia Gonzaga, l’amor sacro e l’amor profano” ne è protagonista l’Ensemble vocale e strumentale “Jucundus Cantus” coordinato dal M° Anna D’Acunto. Lo spettacolo si terrà il 16 ottobre p.v. alle ore 19.30 nella cornice di palazzo Caetani-Colonna di Fondi, antica residenza che in età rinascimentale fu dimora della contessa Giulia Gonzaga, la cui bellezza è cantato dall’Ariosto nell’ “Orlando Furioso”. La pièce teatrale si intitola “Dalla disperazione alla fede. Dialogo tra Giulia e Juan”. L’attrice che darà volto e voce a Giulia Gonzaga sarà Fatima Scialdone, la regia teatrale è affidata al regista Janos Agresti.

Lo spettacolo è realizzato grazie al contributo della Regione Lazio e l’ingresso è gratuito.

L’ENSEMBLE “Jucundus cantus”, di recente formazione, si propone di diffondere e divulgare il repertorio vocale e strumentale, sacro e profano, italiano ed estero del ‘500 e del ‘600, periodi in cui il mondo delle corti era votato alle arti. Ne fanno parte i docenti del conservatorio Paola Ghigo (clavicembalo) e Orlando D’Achille (direzione del gruppo e flauti antichi); dai musicisti Tommaso Capuano (percussioni), e Anna Maria Gentile (viola da gamba); dai cantanti Federica Carducci e Maria Cristina D’Abrosca (soprani), Anna D’Acunto (contalto), Marco Paganelli (contraltista), Michele Fascino (tenore), Euenio Di Lieto (basso), Giorgio Carducci (controtenore sopranile).

 Al termine dello spettacolo è previsto un buffet rinascimentale organizzato dall’Ensemble vocale in collaborazione con l’archeologa  Angela Carcaiso della “Crysos s.r.l.”, società archeologica esperta nella realizzazione di eventi gastronomici d’ispirazione storica, ed il Ristorante “Al Boschetto” di Fondi. In un’ambientazione d’epoca con servitori in abiti cinquecenteschi verranno degustati i piatti proposti dai maggiori cuochi del ‘500.

La quota di partecipazione al buffet è di € 20,00 previa prenotazione (fino ad un massimo di 100 persone) al n. 0771/507240 (dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 12.00).

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto