Non c’è più posto nei dormitori: “I senzatetto vivono in strada”

Senza tetto

LATINA – Non c’è più posto nei dormitori di Roma. I senzatetto inviati da Latina tornano indietro. Negli ultimi giorni il servizio emergenze sociali Es24 aveva inviato a Roma alcuni senzatetto. Come è noto a Latina, così come a Terracina, Fondi, Aprilia e Cisterna, Sabaudia e comuni vicini, non c’è un posto dove i senzatetto possano trascorrere la notte. Ieri, chiamati dal segretario sociale del Comune di Latina, gli operatori di ES24 hanno  accompagnato alla stazione ferroviaria un italiano di 60 anni. L’uomo, residente a Latina, ha dovuto lasciare immediatamente l’abitazione nella quale viveva con la sua famiglia, in seguito ad una decisione del magistrato. In strada senza casa e privo di mezzi il sessantenne si è rivolto ai servizi sociali . L’unica soluzione immediata è parsa quella di inviarlo al centro di accoglienza presso la stazione Termini. Giunto alla 20.30 alla stazione di Roma, si è recato presso lo sportello per le emergenze sociali, ma qui si è visto rifiutare l’accoglienza in quanto il dormitorio pubblico era già completamente occupato da altri homeless. Il senzatetto è tornato a Latina . Alla stazione, dove  vi erano ad attenderlo l’unità di strada di Es24. Gli operatori lo hanno accompagnato presso un albergo del centro dove ha potuto trascorrere la notte, a spese del servizio ES 24.  Secondo i risultati di ES24 sono circa 100, solo a Latina,  i senzatetto che trascorrono la notte in ripari di fortuna, baracche di cartone e legno, stabili abbandonati in vari luoghi del Comune di Latina. In maggioranza si tratta di immigrati dall’est europa. Alcuni di loro sono presenti a Latina da diversi anni. Una decina, tutti alcolisti cronici,  sono in condizioni di salute davvero precarie. Preoccupano le condizioni di un indiano e di alcuni romeni e polacchi che sembrano allo stremo delle forze. Si teme per l’arrivo del freddo invernale. Come le persone fotografate la scorsa notte a Latina (foto allegate) : uno dormiva riverso in terra all’interno della galleria Cisa in via Cairoli. L’altro era sdraiato su una panchina  nei giardini pubblici antistanti. Nelle ultime sere quasi 200 persone si sono recate, ogni sera,  alla mensa Caritas di via Virgilio per la cena. In maggioranza sono immigrati, tra cui una buona parte  dei  senzatetto presenti in città.

Nota: il servizio di emergenze sociali ES24 è gestito da operatori sociali di strada . Le unità di strada sono  composte da mediatori interculturali che nulla a che vedere con gli “angeli custodi CRI”.  Il servizio di Es24 non dispone di alcun finanziamento pubblico.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto