Denunciata perché in topless, sarà risarcita con 25mila euro

ANZIO – Sarà risarcita con 25mila euro per i danni morali subiti la commessa e fotomodella romana che quest’estate, ad Anzio, era stata aggredita verbalmente e denunciata per atti osceni perché era in topless. La giovane, di 26 anni, era intenta a spalmarsi la crema sul corpo e sul seno in un tratto di spiaggia tra Anzio e Lavinio quando una mamma l’aveva apostrofata malamente, decidendo poi di denunciarla per atti osceni in luogo pubblico. La donna si era detta preoccupata per il fatto i suoi figli di 12 e 14 anni assistevano alla scena dell’avvenente ragazza che senza la parte superiore del costume da bagno si massaggiava con l’abbrozzante. Il legale della giovane, l’avvocato Gianluca Arrighi, parla di risarcimento per gli ingenti danni morali subiti a seguito della denuncia e del clamore mediatico suscitato dalla notizia, che aveva fatto il giro dei giornali nazionali e anche di alcuni media esteri. In cambio la commessa-fotomodella si è impegnata a non costituirsi parte civile nel procedimento penale per calunnia a carico della signora che la denunciò per atti osceni mai commessi. Il gip del Tribunale di Velletri aveva infatti archiviato il caso per mancanza dei requisiti oggettivi e soggettivi del reato.

1 Commento

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto