Violenza sessuale e peculato in Procura: carabiniere rinviato a giudizio

 LATINA – E’ accusato di aver violentato una donna in Procura a Latina. Lei si era presentata per una denuncia e lui, carabiniere in servizio in via Ezio nell’ufficio di un pm e ora trasferito, l’aveva minacciata: avrebbe messo in atto ritorsioni, le avrebbe fatto togliere la figlia, testimoniando che era squilibrata e fatto interessare del caso anche i servizi sociali.

In due occasioni  – secondo quanto sostenuto dall’accusa – il carabiniere ha avuto un rapporto sessuale con la vittima di questa storia che poi ha denunciato tutto.

Il gup del Tribunale di Latina Nicola Iansiti ha rinviato a giudizio il militare, un uomo di 38 anni, con l’accusa oltre che di violenza sessuale di peculato: le chiamate fatte alla donna dal telefono della Procura superano complessivamente le 18 ore di conversazione.

Il processo inizierà il prossimo 16 febbraio davanti al Primo Collegio del Tribunale di Latina. I fatti contestati sono avvenuti tra il 27 febbraio 2007 e il 16 gennaio del 2008. In aula il pm Cristina Pigozzo ha chiesto il rinvio a giudizio, mentre i difensori il non luogo a procedere, poi la decisione del giudice.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In Alto