Lavoratori socialmente utili, arriva la stabilizzazione.

L'assessore regionale al Lavoro, Mariella Zezza

LATINA – ”Oltre 800 lavoratori socialmente utili sono stati stabilizzati nel Lazio, di questi 108 sono in provincia di Latina, divisi tra i 26 di Mintunro e i 21 di Bassiano, i comuni che hanno il numero più consistente, e i due ciascuno di Maenza e Prossedi, passando per Lenola con 13, Roccagorga con 11, Itri con 8, Monte San Biagio con 3 SS Cosma e Sezze con 7 ciascuno per finire con gli 8 di Sonnino. un risultato definito ‘storico’ vista la situazione che si trascinava da oltre 15 anni” – riferisce in una nota l’assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio, Mariella Zezza, in merito agli accordi sottoscritti con gli enti che utilizzano i Lavoratori socialmente utili, che hanno permesso una riduzione di oltre il 50% del numero di questi lavoratori sul territorio laziale.

. La Regione Lazio garantira’ la totale copertura del costo salariale, comprensivo degli oneri per 5 anni, per ogni stabilizzazione conseguita ”a dimostrazione di come la collaborazione tra gli enti consenta l’attuazione di politiche virtuose” aggiunge Zezza, sottolineando inoltre ”il confronto serio e costruttivo avuto con le parti sociali. Un impegno che e’ stato riconosciuto dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che ha assegnato al Lazio una premialita’ aggiuntiva in funzione proprio delle stabilizzazioni effettuate”. ”Altro risultato importante – precisa l’assessore – e’ che per molti enti si e’ ottenuta l’assunzione di tutti gli Lsu in dotazione, la maggioranza dei quali e’ costituita da donne e lavoratori con meno di 40 anni.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto