Assassinata dal fidanzato, la famiglia chiede gli atti alla Provincia

L'omicida Carlo Emanuele Caliman

SPIGNO – Ha chiesto alla Provincia la documentazione relativa all’assunzione di Carlo Emanuele Caliman come agente di Polizia Provinciale, il papà di Valentina Colella la ragazza di Spigno Saturnia uccisa con la pistola d’ordinanza dall’ex fidanzato ora rinchiuso in carcere.

L’avvocato che assite la famiglia, Ferruccio Rizzi, ha inoltrato all’ente di Via Costa richiesta formale per l’acquisizione della delibera di assunzione della documentazione amministrativa e sanitaria e dell’intero fascicolo riguardante il procedimento che ha visto l’ex attore di fiction entrare alcuni anni fa nel Corpo, ma ancora non ha .

L’uomo che ha 39 anni, venti giorni fa, aveva dato appuntamento alla ex fidanzata valentina di molti anni più giovane, sulla Formia Cassino e al culmine di una lite per motivi di gelosia, le aveva sparato più colpi uccidendola. La ragazza ha lasciato una bambina di cinque anni e i genitori della giovane non si danno pace e si chiedono perché l’uomo fosse armato al momento dell’incontro

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto