Damiani (Sì per Latina): “A Latina lo sport abbandonato”

Francesco Damiani candidato Si per Latina

LATINA – Volentieri pubblichiamo l’intervento del  presidente della Latina Pallanuoto, Francesco Damiani, candidato nella lista “Si per Latina” a sostegno del candidato del centrosinistra, Claudio Moscardelli.

“Purtroppo è fin troppo evidente la stuazione i totale abbandono dello sport nella nostra città. L’Amministrazione Comunale e, di conseguenza, i vari Assessori allo sport che si sono alternati in questi lunghi anni di Governo, hanno fatto poco e niente in particolare per lo sport giovanile. Occupandomi di sport da tanti anni, ho esortato tutte le componenti politiche a sostenere lo sport e fornire un porto sicuro ai nostri ragazzi. Purtroppo, da quel punto di vista il risultato è stato negativo. La politica ha finito per interessarsi allo sport sotanto in caso di vittorie e risultati particolari. Veniamo, insomma, utilizzati soltanto come vetrina. Siamo una città giovane, con la percentuale più alta di giovani in Italia. Lo sport potrebbe davvero rappresentare una valida alternativa sociale utile per togliere i nostri figli dalla strada. Tanto è stato fatto dai singoli. Siamo riusciti a portare in alto il nome di Latina, dalla pallanuoto al Volley e in altri sport. Tutto questo rappresenta il risultato di enormi sacrifici economici e personali dei singoli appassionati. Per quanto mi riguarda sono nove anni che mi occupo di pallanuoto. Ho preso la società dandogli il nome di Latina proprio per amore per la città. Siamo partiti dalla serie C ed in pochi anni abbiamo raggiunto la serie A1 e proprio in questa stagione abbiamo raggiunto il nostro massimo traguardo storico ovvero, i play off scudetto. Oltre a ciò è stato costruito un folto settore giovanile. Abbiamo fondato l’Accademia della Pallanuoto per i bambini dai 6 ai 10 anni, partecipiamo a 4 campionati nazionali giovanili: under 13, 15, 17 e 20. Grandi sacrifici e soddisfazioni senza l’aiuto di nessuno. Questo non credo sia giusto, lo sport deve essere un pilastro fondamentale per l’educazione civica e fisica dei nostri figli. Lo sport è educazione e civiltà. Le società sportive devono esercitare il ruolo sociale di educatori a supporto delle famiglie. E’ mia intenzione, nel caso in cui fossi eletto al Consiglio Comunale, di intervenire in maniera netta sulle politiche sportive della città, sia in termini di strutture sportive che di formazione e cultura sportiva. Lo sport deve essere di tutti, non soltanto di coloro che possono permetterselo. A Latina esistono soltanto strutture private che decidono i prezzi da applicare. In questo modo si toglie, alle categorie piu’ deboli, la possibilità di fare sport. Non è accettabile, occore avere strutture pubbliche, con tariffe popolari, che possano consentire a tutti di portare i propri figli in palestra, in piscina o al campo di calcio. Una politica sportiva mirata alla riqualificazione degli impianti ed una programmazione precisa e puntuale che possa garantire la crescita di tutte le discipline sportive nella nostra città. L’Amministrazione Comunale, fino ad oggi assente, ha il dovere di intervenire in tal senso: la musica dovrà necessariamente cambiare”.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto