Forte: “Necessario rafforzare le reti di solidarietà sociale”

L'assessore regionale Aldo Forte

ROMA – “Oggi più che mai è necessario affiancare al capitale economico quello umano, rafforzando le reti di solidarietà sociale. Crisi economica, tagli alle risorse statali per le politiche sociali, crescente disoccupazione e aumento delle forme di disagio, il tutto sommato alle difficoltà da parte della società di assorbire flussi di immigrati sempre più numerosi, fanno del rischio povertà una vera e propria emergenza sociale dei nostri giorni. Una emergenza che ha bisogno di una società più solidale. Anche perché al concetto di povertà si è ormai sovrapposto quello di vulnerabilità, con sempre più persone che pur vivendo dignitosamente sono continuamente a rischio miseria”. Lo ha dichiarato l’assessore alle Politiche sociali e Famiglia della Regione Lazio, Aldo Forte, nell’ambito del seminario di due giorni ‘L’impegno delle alleanze europee per la lotta alla povertà” organizzato da Eza, al quale hanno partecipato esperti sul tema provenienti dai maggiori paesi della Comunità europea.
“Ecco, allora, – ha continuato – il sistema tradizionale composto da interventi di tipo assistenzialistico non rappresenta più il modello adeguato per far fronte al fenomeno povertà, così come agli altri bisogni sociali. Dall’assistenza dobbiamo passare alla promozione, perché i soli interventi di tipo assistenzialistico anziché risolvere il problema lo posticipano, mentre una strategia che intenda realmente combattere la povertà deve spingere innanzitutto sul coinvolgimento e l’inclusione sociale”.
“Puntare sul capitale umano, quindi, promuovendo lo straordinario patrimonio di esperienze e competenze sviluppato dal Terzo Settore. Questo infatti, non solo è in grado di intervenire efficacemente sul fenomeno povertà grazie alla sua rete di servizi e di persone, ma può esso stesso rappresentare – ha concluso – l’ambito nel quale coinvolgere direttamente chi è emarginato e ricondurlo alla vita sociale”.

Riceviamo e pubblichiamo da

Aldo Forte

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto