Sezze, ai nastri di partenza la 42° Sagra del Carciofo

SEZZE – La cittadina di Sezze ospiterà domenica la Sagra del Carciofo, giunta alla sua 42esima edizione. Promossa, come da tradizione, dal Comune setino e patrocinata dalla Regione Lazio, dalla Provincia di Latina, dalla XIII Comunità Montana Monti Lepini e Ausoni, dalla Camera di Commercio del capoluogo pontino dalla S.P.L. Sezze S.p.A. (Servizi Pubblici Locali), la manifestazione propone un programma ricco e articolato e sarà occasione quest’anno per festeggiare i 150 anni di Italia Unita.

PROGRAMMA – Si apre domenica alle 10.30 in via del Guglietto, con sfilate di gruppi folcroristici e bande musicali, cui seguirà un aperitivo di benvenuto ai primi visitatori. Alle 11, in piazza XX Settembre, sarà di scena “C’era una volta… mercato del contadino”: figuranti in costume d’epoca rappresenteranno momenti tipici dell’antico mercato ortofrutticolo di Sezze. Per gli appassionati di artigianato e dei prodotti tipici è stato allestito un percorso dedicato in via S. Carlo, l’antica Via Grande. A partire dalle 12 sarà possibile degustare alcuni prodotti locali: la panzanella (via Marconi, offerta dall’associazione La Compagnia); formaggi e amaro di carciofo (piazza XX Settembre, ass. Noi di Suso); vini (via S. Carlo, enoteca La Botte) con aperitivo (piazza San Rocco offerto dall’ass. Atletica Setina) e carciofi fritti (piazza Margherita, offerti dalla Pro-loco). Nel pomeriggio, alle 15 in piazza IV Novembre, si terrà il concerto di musica popolare de “I Briganti di Frontiera”, mentre per i più piccini è previsto uno spettacolo di burattini a cura de “I Monelli”, alle 15.30 a Porta Pascibella. Le Colonne di Tito in Via Roma faranno da palcoscenico a scene in dialetto e musica popolare con il gruppo folk di Sezze “I Turapitto”, mentre a partire dalle ore 17.30, in Piazza IV Novembre, si terrà il concerto con “La Maglia della Salute”.

I carciofi romaneschi della campagna setina verranno posti in vendita presso tutti gli stand espositivi. Per l’intera giornata non mancheranno momenti di animazione con le associazioni: Setia Leonis, I Monelli, Poieo, Homo Ludens, Maieutica.

«La Sagra del Carciofo – ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo Locale, Sergio Di Raimo – è un omaggio a Sezze  e alla sua cultura, alle sue poesie, alle sue tradizioni, al suo dialetto e ai suoi inconfondibili sapori. L’evento è espressione di un intero paese che prova a raccontare se stesso. Una manifestazione, quindi, fatta di passione e senso di appartenenza ad un territorio e alla sua gente».

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto