Ufficializzata candidatura al consiglio di Massimo Marini

LATINA – Si è svolta stamattina la conferenza stampa che ha ufficializzato la candidatura al Consiglio comunale di Latina dell’architetto Massimo Marini, in corsa per sostenere il sindaco Giovanni Di Giorgi nella lista Alleanza per Latina Città Nuove.
Il primo  a prendere la parola è stato Claudio Durigon, capo segreteria dell’Assessorato al Lavoro e Formazione della Regione Lazio, spiegando che la lista Alleanza per Latina Città Nuove rappresenta di fatto una reale opportunità di rinnovamento della classe politica, sottolineando il parallelo con la lista civica Polverini, che fa direttamente capo alla presidente della Regione Lazio.
E proprio sulla natura più politica che civica della lista in cui corre Marini ha aperto il suo discorso di presentazione il Consigliere regionale del PDL Stefano Galetto: “Non è la solita lista civica questa, ma è un movimento serio con una dignità politica chiara e importante, che ha già mostrato una sua consistenza e una sua identità.” Galetto si è poi soffermato sullo spessore del candidato che, pur essendo alla sua prima sfida elettorale, non è a digiuno di politica, visti i suoi tanti e variegati contributi alle iniziative sociali e culturali del territorio.
E’ stata quindi poi la volta di Massimo Marini: “Latina vive un momento di difficoltà. Mi candido perché non voglio essere tra coloro che guardano dalla finestra la propria città e la criticano, ma voglio scendere in strada cambiare in prima persona le cose che non vanno. Ho sempre fatto politica nel senso di attivarsi in progetti concreti per la comunità, e mai vita di partito, pur avendo manifestato il mio orientamento di centrodestra. Occorre affrontare seriamente la sfida di un rinnovamento della classe dirigente della città, immaginando una nuova stagione politica, perché sono convinto che i cittadini di Latina siano molto meglio di alcuni esponenti che a volte li hanno rappresentati”.
“Lavoro e crescita culturale sono i capisaldi sui quali si fondano i principi di una comunità – ha concluso l’architetto – è quindi fondamentale riportare al centro dell’attenzione il tema del lavoro, per consentire alle persone di esprimere le proprie capacità, tornare ad essere serene e realizzare il proprio futuro”.
Ha concluso la conferenza il saluto del candidato sindaco Giovanni Di Giorgi, che non ha mancato di ribadire l’importanza della filiera di governo per rimpinguare le casse comunali, oggi quasi vuote, e la possibilità di sviluppare progetti concreti proprio grazie alla continuità della maggioranza di governo di centrodestra a livello comunale, provinciale, regionale e nazionale.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto