DORMITORIO
Pd: “La Fanti in difficoltà, fa vedere ciò che non esiste”

LATINA – L’assessore Fanti suo malgrado si trova costretta a riconoscere che le critiche mosse dal Partito democratico negli ultimi mesi sulla vicenda del dormitorio erano fondate. Forse proprio grazie al quell’azione incalzante si è sentita in dovere di dare alcune risposte circa la gestione del dormitorio provvisorio e l’apertura della nuova struttura.

“L’assessore – dichiara il capogruppo del Pd Giorgio De Marchis – continua nei suoi tour a far vedere ciò che già esiste; non capendo che il problema non è l’oggi ma ciò che verrà. In questa direzione abbiamo posto diversi quesiti ai quali l’assessore ha sempre evitato di rispondere, come per esempio quando abbiamo chiesto di sapere i motivi che ostacolavano l’apertura del nuovo dormitorio e la data in cui questo sarebbe stato messo a disposizione della città.

Soprattutto vorremo conoscere nei dettagli il piano di emergenza sociale del Comune di Latina, sempre che ne esista uno”.

“Purtroppo l’assessore, per difendere il proprio operato e quello degli uffici, cede alla tentazione di attaccare la minoranza invece di dare risposte – commenta la consigliera del Pd Nicoletta Zuliani – oppure devia l’attenzione da ciò che va migliorato facendo vedere che invece è tutto sotto controllo. Le cose stanno diversamente e l’ assessore ne è perfettamente a conoscenza”.

Il Pd andrà a fondo alla questione e chiede all’amministrazione impegni precisi per garantire un servizio di assistenza ai senzatetto che duri 365 giorni l’anno e che non si militi ai periodi di emergenza.

“Pensiamo– aggiungono i consiglieri– che sia opportuno aprire entro brevissimo tempo il nuovo dormitorio al quale dovrà essere affiancata nei periodi di emergenza la struttura provvisoria attuale.

Chiederemo e proporremo un impegno economico nel prossimo bilancio di previsione nel quale presenteremo un emendamento. Sappiamo benissimo che non può essere presentato oggi, come ironicamente sostenuto dalla Fanti, perché il bilancio ancora non c’è e non certamente per responsabilità dell’opposizione.

Riceviamo e pubblichiamo dal Pd

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto