AMMINISTRATIVE, DOMANI SI VOTA
Le sfide nei nove comuni pontini

LATINA – Nove comuni pontini andranno alle urne domani e lunedì per eleggere i sindaci e rinnovare i consigli comunali. Domenica si voterà dalle 8 alle 22 e lunedì dalle 7 alle 15.

 A Gaeta, il comune più grande al voto,  si gioca la partita più complessa. Sono ventotto le liste presentate a sostegno degli otto candidati alla carica di sindaco. Quattro per la riconferma di Antonio Raimondi (Lista Civica per Raimondi, Movimento Progressista Gaeta Raimondi Sindaco, Noi Democratici e Uniti per Gaeta). Otto liste di centrodestra, invece, sostengono la corsa dello sfidante  Cosimo Mitrano, attuale commissario straordinario del Parco Riviera di Ulisse e dirigente del Comune di Fondi (Il Quadrifoglio, Giovani in Azione, Lista Mitrano Gaeta C’è ; Popolo delle Libertà, Città Nuove, Udc-Unione di Centro, La Destra, Nuovo Centro Democratico). Corsa solitaria con il Partito di Rifondazione Comunista – Sinistra Europea, il giovane Benedetto Crocco. Due le liste che appoggiano Giovanni Erbinucci: Federazione dei Cristiano Popolari e la civica Con Erbinucci Esperienza e Disponibilità. Pina Rosato, infine, unica donna (inizialmente candidata con il Pd che poi ha ritirato il simbolo) è sostenuta dalle liste Rosato Sindaco e Liberi per Gaeta-Rosato Sindaco.  Di centrodestra la candidatura di Salvatore Cicconardi sostenuto dalle liste Primavera Civica, Grande Sud Lazio, Nuova Area e Azione Popolare. Angelo Di Bernardo, imprenditore della cantieristica, si presenta  con l’appoggio di due liste: Lo Stendardo-Angelo Di Bernardo Sindaco e Lista Civica Angelo Di Bernardo. Per il centrosinistra la candidatura dell’avvocato Salvatore Di Maggio le cui formazioni di appoggio sono la lista civica Di Maggio Sindaco, Sinistra Ecologia e Libertà con Vendola, Sinistra Comunisti Italiani, Partito Socialista Italiano, Italia dei Valori Lista Di Pietro.

A Sezze l’uscente Andrea Campoli (PD)  dovrà vedersela con quattro sfidanti. L’altra faccia della politica candida Alessandro Ferrazzoli;  per il centrodestra in campo anche Lidano Zarra e Gian Battista Rosella;  una donna per la sinistra comunista, Rita Berardi.

A Cori sono tre le liste in competizione. Qui il sindaco uscente Tommaso Conti, sostenuto dalla lista «Cori e Giulianello insieme», affronterà il «Movimento civico Cori e Giulianello» con Angelo Palliccia,  e «Territorio comune» che sostiene la candidatura di Cristina Ricci.

A Minturno  sono cinque i candidati sindaco alle elezioni amministrative e  diciannove le liste. Competono per la  poltrona di primo cittadino, Paolo Graziano, 63 anni, biologo, già sindaco per due legislature e attuale consigliere provinciale del Pdl, sostenuto da tre liste (Psi, Lista Graziano, Lista Galasso). Gerardo Stefanelli, dell’Udc, 37 anni, assessore provinciale all’Ambiente, appoggiato dai sei liste (Udc, Pd, Fli, Minturno cambia, Italia dei Valori, Piazza Pulita). Pino Russo, 57 anni, medico, assessore uscente, sostenuto da cinque liste (Pdl, Nuova Area, Russo sindaco, Vivere la vita, Popolari Democratici ) Maurizio Faticoni, 55 anni, avvocato, già assessore nella giunta Sardelli, appoggiato da quattro liste (Volare, Minturno Domani, Città Nuove, Con Noi Donne). Ed Enzo Forte, 55 anni, imprenditore, sostenuto dalla «Lista civica indipendente per Forte».

A Santi Cosma e Damiano due candidati a sindaco. Sono Vincenzo Di Siena, sindaco uscente, 61 anni, medico specialista, e Franco Taddeo, geometra, 63 anni, consigliere provinciale del Pdl e già sindaco di San Cosma.

A Ponza tre candidati: Francesco Ferraiuolo, 68 anni, dirigente scolastico in pensione, già sindaco dell’isola per due consiliature con la lista «Ponza nel cuore»;  l’imprenditore Antonio Balzano, 56 anni, anche lui già sindaco,  sostenuto dalla lista civica «Per Ponza». Il terzo candidato, il giornalista Piero Vigorelli, 67 anni, alla prima esperienza politica, sostenuto dalla lista «Tutti per Ponza».

A San Felice Circeo, tre candidati: la lista civica «Gianni Petrucci sindaco» schiera il presidente del Coni ed è sostenuta anche da Udc, Pd e Rifondazione Comunista. La lista «Alternativa Circeo» è sostenuta da Forza Nuova e da Destra Sociale e schiera come candidato sindaco Emiliano Ciotti. Torna a candidarsi anche Giuseppe Schiboni, già sindaco per due mandati, ai box per quattro anni e ora di nuovo in pista. Guida la lista «Il Popolo della Libertà – Schiboni sindaco» sostenuta anche da La Destra.

A Sonnino si presentano l’avvocato Lorenzo Magnarelli («Progetto per Sonnino» con Pdl-Udc-Lega-Destra); Giulio Del Monte («Per Sonnino»lista civica mista) ufficiale superiore della Marina Militare e Gianni Celani («Sonnino democratica» con Sel e parte del Pd).

 A Castelforte si candida per la prima volta una donna, Patrizia Gaetano, 55 anni, operatrice sanitaria guida la lista «Per Castelforte», sostenuta da Udc e Pdl. L’altro candidato è Paolo Ciorra, 65 anni, ingegnere, alla guida della lista «Insieme per Castelforte», che raggruppa esponenti del Pd (tra i quali l’ex vice sindaco Giancarlo Cardillo), del Psi, dei Cristiano Popolari, dell’Italia dei Valori e di Rifondazione comunista.

 SCRUTINIO  – «Le operazioni di scrutinio avranno inizio il 7 maggio, subito dopo la chiusura della votazione e l’accertamento del numero dei votanti», precisa il Viminale. In caso di effettuazione del turno di ballottaggio per l’elezione dei sindaci, si voterà domenica 20 maggio sempre dalle 8 alle 22 e lunedì 21 maggio dalle 7 alle 15, mentre le operazioni di scrutinio avranno inizio nella stessa giornata di lunedì, al termine delle votazioni e dell’accertamento del numero dei votanti.

Il ministero dell’Interno ricorda che «gli elettori, in occasione delle elezioni comunali di domenica 6 e lunedì 7 maggio, per poter esercitare il diritto di voto presso gli uffici elettorali di sezione nelle cui liste risultano iscritti, dovranno esibire, oltre a un documento di riconoscimento, la tessera elettorale personale a carattere permanente». Chi avesse smarrito la propria tessera personale, «potrà chiederne il duplicato agli uffici comunali che, a tal fine, saranno aperti domenica 6 e lunedì 7 maggio, giorni della votazione, per tutta la durata delle operazioni di voto».

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto