EMERGENZA SENZATETTO
Necessaria azione integrata di istituzioni

Shares

Foto d'archivio

LATINA – A partire da oggi il dormitorio provvisorio allestito nei capannoni dell’ex Consorzio agrario è stato chiuso. Oltre 50 senza tetto da stanotte dormiranno sulle panchine e sui marciapiedi della città. Ieri mattina con un’azione congiunta alcuni cittadini, insieme al capogruppo del Partito democratico Giorgio De Marchis, il consigliere comunale Marco Fioravante e il coordinatore di Sinistra per Latina Sergio Sciaudone, hanno solidarizzato con gli ospiti del dormitorio che non volevano lasciare la struttura. “Ieri abbiamo trovato agenti di polizia sensibili al problema – dichiara De Marchis – e abbiamo anche riscontrato la disponibilità del sindaco che ha consentito di prorogare di 24 ore il servizio. Tuttavia oggi il problema si ripresenta e dal Comune ci hanno fatto sapere che in futuro la struttura potrà ospitare solo i residenti nel capoluogo”. “Una risposta che non vuol dire nulla – aggiunge Fioravante – in quanto i residenti nel capoluogo ospitati nel dormitorio provvisorio sono solo quattro. Verranno accolti in case famiglia con un ulteriore aggravio di costi per le casse comunali. “Il costo della casa famiglia per quattro persone – spiega Sciaudone – è superiore a quello di gestione del dormitorio. È assurdo che ci sia una situazione così paradossale e che non si riesca a risolvere il problema: da stasera i senza tetto si fermeranno sotto i portici del Comune”. “C’è solo una via d’uscita – concludono De Marchis, Fioravante e Sciaudone -: coinvolgere diverse istituzioni, come Provincia e Regione, in un progetto integrato per riaprire il dormitorio pubblico, che sappiamo benissimo essere un servizio non solo limitato al capoluogo ma catalizzatore di emergenze sociali che superano i confini della città. Rivolgiamo quindi un appello alle istituzioni locali affinché si apra immediatamente un tavolo di lavoro per consentire il ripristino di una struttura che sebbene nata per l’emergenza freddo è diventata un punto di riferimento della solidarietà cittadina e di garanzia per la sicurezza come le stesse forze dell’ordine hanno asserito”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto