ESERCITAZIONE DEI VIGILI DEL FUOCO
Verifica di azione in un evento terroristico
Foto

LATINA – Per verificare la risposta ad un evento non convenzionale, Il Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Latina ha simulato un incidente in ambiente con rilascio di sostanze chimiche aggressive in presenza di un elevato numero di persone, l’ipotesi presa in esame era quella di un supermercato.
Il sito delle operazioni è stato messo a disposizione dalla Provincia di Latina e si estende per una superficie di circa 700 mq.
L’esercitazione si è svolta in diverse fasi:
– Alle ore 9.00 circa chiamate di soccorso alla Sala Operativa 115 per uno scoppio all’interno di un supermercato, con alcune persone coinvolte che non danno segno di vita e altre che lamentano disturbi assimilabili all’esposizione di una sostanza aggressiva. Dalla sede centrale è partito un primo convoglio formato da un’APS (AutoPompa Serbatoio) e ABP (AutoBotte Pompa) per un totale di 7 operatori.
– All’arrivo sul posto il personale rileva all’interno del supermercato 7 persone investite dallo scoppio che mostrano danni da aggressivo chimico (sono stati utilizzati dei manichini vestiti con tute bianche e umidificati con una sostanza rilevabile dal PID – Photo Ionization Detector).
– Il Capo Squadra ha avvisato la sala operativa, chiedendo l’invio di squadre specialistiche NBCR (Nucleare – Biologico – Chimico – Radiologico), di tutti gli enti interessati alla difesa civile e sanitaria, del funzionario tecnico di servizio; inoltre ha disposto le misure di sicurezza mediante recinzione del sito con nastro segnaletico e rilevazioni radiometriche e di esplosività con la strumentazione in dotazione alla squadra.
– La squadra NBCR, costituita da 3 automezzi e 6 operatori, è partita dalla sede centrale e all’arrivo sul posto ha provveduto alla vestizione degli operatori con la tuta a scafandro per entrare in zona confinata e ha rilevato con la strumentazione PID e IMS (Ion Spectrometry Mobility) la presenza di aggressivi chimici. All’esterno è stata predisposta la zona di decontaminazione tecnica con la doccia gestita con personale vestito con tute a prova di liquidi e maschere a filtro e la zona per il coordinamento dell’intervento dove possono accedere tutti gli altri enti chiamati ad intervenire.
Sono state soccorse le persone coinvolte dall’evento, simulando la consegna al servizio sanitario 118 per la decontaminazione.
– E’ stata bonificata l’area delle operazioni, repertando tutto il materiale potenzialmente contaminante.
– L’intervento si è concluso con la decontaminazione di tutto il personale e delle attrezzature utilizzate.
Nel contempo in sala operativa sono state simulate le comunicazioni agli organi competenti (Prefettura, Direzione Reg. VV.F., CON, Comune Interessato, Questura, Carabinieri, ASL, ARPA, 118, ecc.).

[flagallery gid=164 name=Gallery]

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto