NINFA, INDAGINE SULLE ROVINE
Studiosi al lavoro, presentano i primi risultati

Cosa c'è sotto le rovine medioevali di Ninfa? Uno studio vuole scoprirlo

NINFA – La Fondazione Roffredo Caetani e l’Istituto Storico Germanico di Roma, venerdì 1 giugno, alle ore 11,00, nella sala conferenze di Pantanello presenteranno il progetto di indagine sulla città medievale di Ninfa e i primi risultati conseguiti.

Si tratta di un progetto di rilevazioni non invasivo nel perimetro della città medievale di Ninfa – spiegano dalla Fondazione –  per rilevarne la struttura insediativa originaria, evidenziandone alcuni episodi di particolare rilevanza storica. Uno studio nato da un protocollo d’intesa tra l’Istituto Storico Germanico di Roma, la Fondazione Roffredo Caetani, la Scuola di Specializzazione in Beni Architettonici e del Paesaggio “Sapienza” Università di Roma, la Johannes Gutemberg Universität Mainz e la Fondazione Camillo Caetani.

“Le metodologie di rilevazione e le tecniche non invasive utilizzate hanno un carattere di sperimentalità e potrebbero essere utilizzate in altre analoghe situazioni delle quali è ricco il territorio pontino e lepino”, spiegano ancora dalla Fondazione che gestisce il Monumento Naturale.

PROGRAMMA – 11,00 Gabriele Panizzi, Presidente Fondazione Roffredo Caetani,

“Una iniziativa sperimentale per la tutela e la valorizzazione del territorio”

11,15 Michael Matheus, Direttore Istituto Storico Germanico di Roma,

“Un progetto pilota per Ninfa: musulmani e provenzali in Capitanata nel XIII secolo”

11,45 Martin Schaich, ArcTron 3D,

“Il rilevamento digitale della città. Una visione: Ninfa in 3D”. Proiezione

14,30 Visita Parco Naturale Pantanello.

È gradita conferma di partecipazione: caetani.infocom@panservice.it

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto