PETIZIONE MANZONI
Giovani Democratici: “La Provincia faccia qualcosa”

Il liceo statale Manzoni di Latina

LATINA – “Abbiamo appreso la petizione per la messa in sicurezza del liceo statale “Manzoni” di Latina firmata da 530 genitori. La notizia non ci stupisce perché da studenti attuali, o da poco diplomati, siamo a conoscenza dei problemi che le scuole della provincia si trovano ad affrontare quotidianamente”. Lo scrivono in una nota i Giovani Democratici chiedendo che la Provincia ascolti i bisogni e provveda ad eseguire con costanza la manutenzione degli edifici scolastici.

“Come denunciato dai genitori le strutture hanno bisogno di migliorie e manutenzione costante. Con le sole promesse non si ridipingono le pareti, non si toglie la muffa, non si creano spazi per alunni e professori. Al Manzoni adesso la situazione è diventata invivibile ma purtroppo non è l’unica struttura scolastica che può vantare di problematiche più o meno gravi. Come Giovani Democratici non possiamo non essere solidali con i genitori che hanno trovato la determinazione di presentare un esposto all’amministrazione provinciale, con gli alunni che tutti i giorni sono costretti a vivere sulla propria pelle l’inadeguatezza delle strutture e solidali con i presidi che devono cercare di compensare l’inadempienza dell’amministrazione. Ci auguriamo che, anche grazie a questa azione, la Provincia capisca che quello di cui il nostro territorio ha realmente bisogno è un controllo e una presenza costante, un’ordinaria manutenzione, senza dover arrivare al limite della sicurezza prima di intervenire, e magari anche di un ampliamento delle strutture esistenti che diventano sempre più affollate. Prima di pensare a grandi Campus scolastici in una o due città della provincia, come annunciato dall’amministrazione, si dovrebbe essere sicuri di offrire un servizio adeguato a tutti gli studenti. Ci impegneremo quindi per cercare di sensibilizzare la Provincia affinché si passi dalle parole ai fatti”.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto