LA PROTESTA DEL VITTORIO VENETO
Studenti e prof contro il trasferimento

La protesta del Vittorio Veneto contro il trasferimento

LATINA – Striscioni, slogan e un corteo per le strade del centro cittadino di Latina, per dire “no” al trasferimento del Vittorio veneto. E’ la protesta attuata questa mattina dalla dirigenza, dai docenti e dagli studenti  contro il trasferimento della storica scuola di Viale Mazzini, dalla sua sede originaria, a quella in cui oggi convivono il  Sani e il Salvemini.

Una reazione forse inattesa quella della scuola, che da giorni si oppone alla decisione della Provincia e si dice non disponibile al trasloco: “ci opporremo; da qui non andremo via; basta con le decisioni calate dall’alto senza tener conto delle esigenze dei cittadini e degli studenti” sono alcune delle frasi pronunciate dagli alunni questa mattina.

«Il problema del trasferimento del Vittorio Veneto richiama l’importanza e la grande attualità della consulta delle scuole e dell’istruzione – commenta Nicoletta Zuliani, consigliera comunale del Partito democratico – e riporta l’attenzione sugli organismi, previsti dallo statuto del Comune di Latina (Art.73 comma 2) per le tematiche inerenti settori sociali di rilievo, ma mai costituiti. La loro istituzione è stata approvata in consiglio comunale con una mozione presentata dalla Zuliani e dal Pd, ma la loro costituzione deve ancora passare in commissione».

«Quando non c’è confronto tra l’amministrazione e gli studenti, i docenti, il personale scolastico e i genitori si creano queste situazioni – spiega la Zuliani -. I genitori hanno iscritto i figli all’istituto Vittorio Veneto perché sapevano (avendolo confermato la Provincia all’inizio dell’anno scolastico) che avrebbero frequentato quella struttura. Tutto l’orientamento scolastico è stato improntato in vista della permanenza in Viale Mazzini. È dunque inopportuno intervenire in questo momento, spostando gli studenti come fossero oggetti. Le persone invece devono essere soggetti di confronto e coprotagoniste delle decisioni».

La Zuliani suggerisce dunque una diversa modalità decisionale, non solo in base al potere, ma alla condivisione.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto