MORTO DEL CARCERE
La Procura ascolta medici e compagno di cella

L'ingresso del carcere di Latina

LATINA – Procede l’inchiesta della Procura di Latina sulla morte del giovane detenuto Fabrizio Guadalxara deceduto nel carcere di Latina nei giorni scorsi per un infarto. Il pm inquirente Gregorio Capasso ha ascoltato  il compagno di cella che, al ritorno dall’ora d’aria  ha fatto la scoperta del cadavere, per approfondire le circostanze precedenti la morte. Ascoltati anche alcuni medici. Sull’esito delle indagini viene comunque mantenuto uno stretto riserbo.

Il 28enne, che era stato arrestato per furto  e rinchiuso nel penitenziario di Via Aspromonte dopo il giudizio direttissimo, era stato accompagnato in ospedale per un malore e dimesso dopo la somministrazione di un antidolorifico. Dodici ore dopo è stato trovato morto.

L’ipotesi è quella di omicidio colposo e al momento non ci sono indagati ma non sono esclusi nuovi risvolti dell’inchiesta.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto