SPENDIND REVIEW
Il Comune trasferisce gli uffici
Risparmierà 700 mila euro

Gli uffici comunali lasceranno il palazzo Pegasol di Via Duca del Mare

LATINA – Rivoluzione nell’ambito della gestione degli uffici comunali. La Giunta municipale ha approvato un’apposita delibera relativa alla organizzazione degli immobili destinati agli uffici comunali, una sorta di “spending review” che porterà ad un risparmio annuo di circa 600-700mila euro l’anno.

“In sostanza –afferma l’assessore al Bilancio, patrimonio e demanio del Comune di Latina, Pasquale Maietta – abbiamo proceduto ad una razionalizzazione degli uffici con il chiaro obiettivo di abbattere i costi di gestione a carico dell’ente. Dopo apposita ricognizione, infatti, abbiamo verificato che il Comune di Latina è proprietario di numerosi immobili non sfruttati a dovere, mentre l’ente continua a pagare affitti a terzi per ospitare gli uffici comunali. Con questa azione di razionalizzazione avremo un risparmio annuo di circa 600-700mila euro che potremo utilizzare per evitare di gravare sui cittadini in termini di tassazione. Con i continui tagli dei trasferimenti ai Comuni da parte dello Stato centrale, infatti, diventa fondamentale operare al risparmio. In tal modo il Comune di Latina sta viaggiando nella giusta direzione, senza dovere gravare sui cittadini. Si tratta di un preciso input voluto da Sindaco Giovanni Di Giorgi e su cui l’intera Giunta e maggioranza si trova d’accordo; stiamo lavorando con grande efficacia. Ringrazio tutti gli uffici comunali per la collaborazione ”.
In particolare, con la delibera approvata dalla Giunta comunale, si incarica il Servizio Patrimonio e Demanio di procedere alla riorganizzazione generalizzata degli immobili destinati ad uffici comunali ai fini della razionalizzazione nell’utilizzo degli stessi, con il conseguente miglioramento della qualità dei servizi erogati. Nel dettaglio:
– si procede alla disdetta dei contratti di affitto delle sedi di vai Farini e Palazzo Pegasol;
– realizzare prioritariamente locali da destinare ad archivi;
– sgomberare la sede dell’Anagrafe decentrata di viale Kennedy per allocarvi gli uffici del condono edilizio;
– effettuare la concentrazione per aree e/o servizi omogenei, quali ad esempio l’Area Lavori pubblici, ed i relativi uffici presso la sede di corso della Repubblica, trasferendo anche quelli ora presenti nell’edificio ex autolinee di via Cervone e palazzo Pegasol; conseguentemente trasferire ed accorpare presso l’edifico ex autolinee di via Cervone il Servizio Ambiente, Verde pubblico e Mobilità;
– trasferire il Servizio Tributi e Servizio Bilancio nella sede della ex scuola di via Varsavia;
– razionalizzare gli spazi presso il palazzo della Cultura, con l’accorpamento di uffici omogenei, compatibili e con scarsa affluenza di pubblico;
– negli spazi attualmente liberi e/o liberati dell’ex Albergo Italia, in piazza del Popolo, dovranno essere trasferiti gli uffici Servizio patrimonio e Demanio, l’Avvocatura comunale, il Servizio Urbanistica ed Ufficio Espopri;
– nei traslochi tra sedi esistenti dovranno essere trasferiti solamente i fascicoli in trattazione e gli strumenti informatici con i dati dell’ufficio e sfruttare gli arredi esistenti nelle singole sedi, evitando in tal modo dispendio di risorse economiche.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto