ADOZIONI INTERNAZIONALI
La Regione Lazio apre uno sportello

LAZIO – Uno sportello regionale per le adozioni internazionali. Questa la novità per il Lazio prevista dallo schema di convenzione tra Regione Lazio e Agenzia regionale per le adozioni internazionali della Regione Piemonte, approvato dalla Giunta Polverini.

“Questa convenzione – spiega la presidente Renata Polverini – si inserisce nella scia del lavoro realizzato in collaborazione con il Tribunale per i minori di Roma, per migliorare e velocizzare i percorsi adottivi. E’ uno strumento importante con il quale vogliamo dare risposte alle lungaggini e alle complicazioni burocratiche, che scoraggiano il desiderio di essere genitori adottivi e che rappresentano la vera ragione della flessione delle adozioni sia nazionali che internazionali. Per questo abbiamo deciso di portare avanti questo progetto con la Regione Piemonte, che ha istituito il primo e unico ente pubblico autorizzato per svolgere le pratiche di adozione internazionale e accompagnare i genitori nel loro percorso, fornendo assistenza giuridica, sociale e psicologica”.

L’Agenzia regionale Adozioni Internazionali Regione Piemonte (ARAI), istituita nel 2001, è iscritta all’Albo degli Enti Autorizzati dalla Commissione Internazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ed è autorizzata ad operare in Brasile, Burkina Faso, Cina, Corea del Sud, Federazione Russa, Lettonia, Repubblica Moldova, Slovacchia, Etiopia, Senegal, Capo Verde, Colombia e Guatemala. La convenzione, di durata quinquennale, impegna la Regione Piemonte a fornire il proprio know how per lo svolgimento all’estero delle pratiche di adozione internazionale al personale della Regione Lazio. In particolare, La Regione Piemonte gestirà i rapporti con la Commissione per le Adozioni internazionali, con le autorità straniere e si occuperà del coordinamento generale dei viaggi delle coppie nei Paesi esteri e dell’assistenza in loco. La Regione Lazio, invece, darà vita a uno specifico sportello informativo per le coppie aspiranti all’adozione internazionale, per gli operatori e gli educatori con il quale fornire consulenze giuridiche, sociali, psicologiche e pedagogiche. “Si parla sempre di tagli, – aggiunge l’assessore regionale alle Politiche sociali e Famiglia, Aldo Forte – invece qui ancora una volta parliamo del potenziamento di un servizio. È la prova che non è necessario investire ingenti risorse, ma avere chiari gli obiettivi e lavorare in sinergia tra enti e istituzioni. Con lo sportello regionale offriamo un punto di riferimento, istituzionale e dalla comprovata esperienza, che ha già rapporti consolidati con gli stati esteri. Un servizio che garantisca un supporto pubblico finora carente, così da assicurare un’adeguata preparazione e un costante accompagnamento durante tutto il percorso adottivo. E, soprattutto – conclude Forte – dare una maggiore speranza di avere una famiglia a tanti bambini che vivono in condizioni di estrema difficoltà”.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto