FAMIGLIA DI FALSI CIECHI SCOPERTA A LATINA
Le indagini scattate in Piemonte

LATINA – Un’intera famiglia di falsi ciechi è stata scoperta dalla Guardia di Finanza. A far venire alla luce il caso sono state le indagini scattate su una donna, originaria della provincia di Latina, ma residente in un comune della provincia torinese, che percepiva da oltre un trentennio di indennità di accompagnamento. Osservandola i militari hanno scoperto che la signora assumeva atteggiamenti diversi a seconda del luogo in cui si trovava: l’handicap veniva reso evidente nei pressi o sul luogo di lavoro come centralinista di un Ente pubblico. Una volta lontana dall’ufficio, però, la donna riponeva nella borsa il bastone e si muoveva con sicurezza in città.

I finanzieri hanno deciso di andare ulteriormente a fondo scoprendo che anche il fratello, la madre e lo zio, tutti residenti in provincia di Latina, risultavano portatori dello stesso handicap. I successivi accertamenti nel capoluogo pontino hanno confermato i sospetti: anche nel loro caso, la cecità era simulata. I quattro sono stati filmati in un ristorante quando, nel corso di un ricevimento, oltre a ballare, si muovevano con disinvoltura tra i tavoli.  La famiglia di “furbetti”  intascava dal 1982 indennità di accompagnamento di 800 euro al mese

La Procura di Torino ha ora disposto il sequestro preventivo, dei beni mobili ed immobili degli indagati, sui quali l’Erario potrà rivalersi.

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto