INFARTO, LA RETE CHE TI SALVA LA VITA
Protocollo tra enti per il soccorso in caso d’infarto
Defibrillatori ai 33 comuni pontini. AUDIO

Il defibrillatore

LATINA – E’ stata presentata questa mattina al Campo Coni di Latina “La rete rete che ti salva la vita” un progetto tra Provincia, Ares 118 e Asl per l’emergenza coronarica. Scopo: dare maggiori possibilità di salvezza a chi viene colpito da infarto, attivando  procedure standard e lavorando sull’informazione al cittadino per dettare le regole indispensabili di comportamento da adottare in caso di attacco di cuore.

Non aspettare, non recarsi con propri mezzi all’ospedale, ma chiamare il 118 e raggiungere, così, protetti, il presidio più idoneo al trattamento (non quello più vicino), sono le semplici indicazioni da osservare quando si avverte un dolore acutissimo al petto, magari diffuso  al braccio, o magari polso debole unito a  nausea e  vomito o anche solo irrequietezza, forte ansia o sensazione di panico come nel caso dell’infarto silente.

A illustrare le azioni messe in campo dagli enti, il Presidente della Provincia, Armando Cusani, il manager Asl, Renato Sponsilli, il direttore generale dell’Ares 118 Antonio de Santis, il direttore dell’Unità Emodinamica, Edoardo Pucci e il Direttore della rete Ospedaliera della Asl, Carmine Cosentino. ASCOLTA COSENTINOaudiocosentino rete infarto]

Il dottor Cosentino con il consigliere Renzo Scalco al Coni, alla presentazione del progetto “la rete che ti salva la vita”

Collegato con il progetto “rete dell’infarto” quello denominato  “Un cuore che batte in sicurezza”, una vera e propria rivoluzione soprattutto a beneficio degli sportivi, ma non solo, avviata attraverso l’acquisto da parte della Provincia e la consegna (avvenuta oggi) dei defibrillatori a tutti i 33 comuni pontini. A Latina, in particolare, sono stati assegnati sei defibrillatori, da oggi in dotazione agli impianti sportivi, come spiega il consigliere provinciale del Pdl, Silvano Spagnolo che ha sostenuto il progetto  ASCOLTAaudiospagnolo]

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto