SEQUESTRO DI BENI A SABAUDIA
Operazione dell’Antimafia contro i Casalesi

SABAUDIA – Un maxi sequestro di beni per un valore di oltre 800 milioni di euro è stato eseguito nei confronti di un imprenditore edile ritenuto legato al clan camorristico dei Casalesi su ordine dei pm della Direzione distrettuale antimafia. Una parte dei beni è stata sequestrata a Sabaudia. Il provvedimento è stato attuato dai finanzieri del Gico di Napoli, dello Scico di Roma e del Nucleo di Polizia Tributaria di Caserta, sotto il coordinamento della Dda partenopea.

Ulteriori informazioni saranno rese note nel corso di una conferenza stampa che si sta svolgendo nella sede della Procura della Repubblica di NAPOLI.

L’indagine svolta dalle Fiamme gialle ha consentito di ricostruire l’entità del patrimonio dell’imprenditore e individuare numerosi prestanome, titolari di società attive nel settore immobiliare ed edilizio ai quali nel tempo sarebbero stati intestati beni immobili, auto e imprese allo scopo di sfuggire alle indagini.

1 Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto