TERRACINA – ESECUZIONE IN SPIAGGIA
Boss napoletano ucciso in mezzo ai bagnanti
Freddato con un colpo in testa davanti alla famiglia

TERRACINA –  Un omicidio è stato commesso pochi minuti prima delle 17 in spiaggia a Terracina. Un uomo di 48 anni, Gaetano Marino, è morto e un altro è rimasto ferito. Si tratterebbe di un regolamento di conti tra persone di origini campane. Terrore tra i bagnanti. Delle indagini si stanno occupando il locale commissariato di polizia e la squadra mobile della questura di Latina. Gli spari sono avvenuti in spiaggia tra la gente, al lido Sirenella di via Circe. Gli autori del delitto sono scappati a bordo di un’auto. La polizia scientifica sta effettuando i rilievi sul luogo dell’agguato, in cerca di tracce e di ogni elemento utile agli investigatori.

La vittima era in vacanza e si trovava in spiaggia con alcuni familiari ed era ospite di una struttura ricettiva della città di Monte Giove. Sarebbero due i sicari che lo hanno raggiunto in spiaggia: si sono avvicinati, lo hanno chiamato per nome e, puntata la pistola semiautomatica, lo hanno freddato. Undici i proiettili esplosi, ma il colpo mortale è stato quell0 alla testa. Per il 48enne non c’è stato scampo. Tutto si è svolto in pochissimi attimi, davanti ai familiari della vittima che erano con lui in spiaggia. Tra gli altri bagnati si è creato il panico e s’è stato il fuggi fuggi generale.

La vittima, il boss Gaetano Marino di 48 anni

Il profilo della vittima –  Gaetano Marino, 48 anni, era soprannominato “Mc Kay” perché il padre Crescenzo (ucciso dal clan Di Lauro per vendetta) somigliava a un vecchio personaggio di una serie televisiva western. Gaetano era il fratello di Gennaro, considerato uno dei capi del clan degli scissionisti ed alcuni mesi fa era stato al centro di una polemica da parte dello scrittore Roberto Saviano, autore del best seller Gomorra. Il boss era infatti alla fine del 2010 era apparso seduto in prima fila su Rai 2 durante una trasmissione in cui c’era sua figlia 12enne come ospite e cantante.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In Alto